Potrebbe esserci un clamoroso colpo di scena nelle indagni sul caso di Santa Croce Camerina, che riguarda l'omicidio del piccolo Andrea Loris Stival, il bimbo di soli otto anni assassinato lo scorso 29 novembre nella zona del "Mulino Vecchio", nei pressi di Santa Croce Camerina. Al momento, l'unica persona accusata per la morte del piccolo è la ventiseienne madre di Loris, Veronica Panarello, che si trova ancora rinchiusa nel carcere di contrada Petrusa di Agrigento. Tuttavia, questa mattina, è stato ospite dell'ultima puntata di "Mattino Cinque" il legale di Veronica Panarello, Francesco Villardita, il quale ha rilasciato delle dichiarazioni che potrebbero cambiare totalmente il corso delle indagni.

Ma entriamo subito nei dettagli.

Ultime news Andrea Loris Stival, clamorosa svolta nelle indagini, Veronica Panarello non è colpevole?

Come dicevamo sopra, l'avvocato di Veronica Panarello, Francesco Villardita è intervenuto a "Mattino Cinque", rivelando delle indiscrezioni che potrebbero scagionare la ventiseienne mamma di Andrea Loris Stival. Le dichiarazioni sono state riportate dal sito "Urbanpost" e da tutti i più importanti media nazionali. Villardita ha spiegato che, dal momento che mancano delle macchie ipostatiche complete sul corpo della vittima, è impossibile che Loris sia stato assassinato tra le 8,30 e le 10,00 del mattino; secondo il legale, dunque, l'omicidio sarebbe avvenuto almeno due ore dopo. Perciò, se il piccolo fosse stato assassinato alle 12,30 o alle 13,00, Veronica Panarello sarebbe scagionata.

I migliori video del giorno

Naturalmente, se queste indiscrezioni, riportate dal legale della donna, fossero confermate, il corso delle indagini muterebbe completamente. Gli inquirenti hanno sempre creduto che sia stata Veronica Panarello ad assassinare il piccolo Andrea Loris, usando delle fascette di plastica; ebbene, Villardita, ha espresso dei dubbi anche sull'arma usata per uccidere il piccolo: "Non credo che Loris sia stato ucciso con delle fascette di plastica, dato che sul suo corpo mancano i segni della zigrinatura". Potremmo essere di fronte ad una svolta clamorosa; e se Veronica Panarello fosse innocente?