Annuncio
Annuncio

Il mistero riguardante la morte di Domenico Maurantonio, il ragazzo precipitato dal quinto piano dell'Hotel Da Vinci di Milano, continua anche se degli importanti elementi sono emersi nelle ultime ore. Si è trattato di omicidio, di suicidio o di un'incredibile fatalità? Che cosa è successo quella sera del 10 maggio in Hotel?

Sono già passati più di quaranta giorni e le diverse ipotesi continuano ad intrecciarsi senza però trovare un filo logico: Eraldo Stefani, avvocato della famiglia Maurantonio, comunque, è pienamente convinto che non si tratti di una disgrazia ma che Domenico sia stato ucciso.

Caso Domenico Maurantonio: il mistero del messaggio, il ragazzo era già morto?

Un primo mistero è quello riguardante l'SMS che Domenico avrebbe mandato alle 5.30: secondo Stefani, non è detto che il messaggio sia stato mandato dal povero studente ma che sia stato qualcun altro a mandarlo. Domenico potrebbe essere morto prima, anche se la squadra mobile di Milano non si trova d'accordo con questa ipotesi. L'avvocato Stefani parla, addirittura, di un'ipotesi ancora più inquietante: non è detto che il ragazzo fosse vivo al momento della sua caduta e qualcuno potrebbe avere usato il suo telefono per mandare quel messaggio. 
Si tratta di una teoria nuova che potrebbe cambiare completamente il corso delle indagini: qualcuno ha ucciso Domenico e poi ha gettato il suo corpo dalla finestra? Chi ha mandato il messaggio al posto del ragazzo, lo avrebbe fatto per cercare di depistare le indagini?

Morte Domenico Maurantonio, ultime news 22 giugno: trovate nuove tracce biologiche

Nella notte tra il 15 e il 16 giugno è stata effettuata una ricostruzione dei fatti avvenuti quella tragica notte, compresa 'la distribuzione dei compagni di scuola': a distanza di 37 giorni, sono state trovate delle nuove tracce biologiche appartenenti a Domenico Maurantonio che potrebbero 'aiutare' in maniera considerevole le indagini. Sono state ritrovate, infatti, ancora tracce di feci, circa un metro al di sotto dello stipite della finestra, al suo esterno: tutto ciò confermerebbe il fatto che, accanto al corpo del povero studente, siano state ritrovate le mutande sporche e i suoi pantaloncini.