Il ragazzo è un 20enne di nome Ayan Zhademov, che per la truffa si è visto comminare una multa di 1.400 sterline, circa 2.000 euro. Invece la sua fidanzatina 17enne, della quale non è stato reso noto il nome, dovrà ripetere l'esame l'anno prossimo, un esame chiamato Test Nazionale Unificato, che oltre all'ottenimento del diploma superiore, permette di accedere ad una buona università in caso di risultati soddisfacenti. L'episodio è avvenuto pochi giorni fa nella città di Zhetisai, nel Kazakistan meridionale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Scuola

Il travestimento e l'esame

Ayan si è presentato davanti ai professori con gli abiti della sua dolce metà, una parrucca lunga nera e il trucco, ma quando ha parlato, non è riuscito a camuffare a sufficienza la voce maschile ed è stato scoperto.

Gli insegnanti si erano accorti che c'era qualcosa di strano in quell'allieva un po' grossa, ma avevano pensato che fosse un'altra giovane, non un uomo. Lui ha spiegato di aver compiuto questo gesto solo per amore della fidanzatina, che era troppo in ansia per la prova che doveva affrontare - ansia che il ragazzo non è riuscito a calmare.

Apprezzamenti

Colpito dalla storia, la quale mostra che i buoni sentimenti esistono ancora, un noto imprenditore kazako di nome Olzhas Hudaibergenov, ha deciso di pagare di tasca propria metà dell'ingente somma a cui è stato condannato il giovane, prevedendo che le sue prossime mosse romantiche saranno più legali, ha detto in tono ironico e condiscendente. Inoltre ci sono ragazze che hanno apprezzato il "romantico" gesto di Ayan, perchè lui è stato disposto a rischiare, a fare letteralmente carte false per aiutare la sua innamorata.

I migliori video del giorno

Gesto stupido, certo, ma cosa non si fa per amore, ha dichiarato una compagna di lei? Quella ragazza è fortunata, ha commentato un'altra. Chi in questi giorni non vorrebbe un fidanzato così, capace di travestirsi per fare la maturità al posto nostro? Ora c'è solo da sperare che la giovane coppia sia in grado di resistere, anche se la vicenda non si è conclusa proprio nel modo desiderato, e che non scoppi dopo questo "sbaglio fatto per amore".