Il 18 luglio prossimo sarà di scena l'ultima udienza del processo d'appello sulla morte di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana uccisa nel pomeriggio del 26 agosto 2010. Alla sbarra ci sono sempre Cosima Serrano e Sabrina Misseri già condannate all'ergastolo in primo grado per omicidio volontario in concorso.

Prove schiaccianti contro di loro

La famosa criminologa Roberta Bruzzone, ha dichiarato sul settimanale 'Giallo' che a carico delle donne esistono prove schiaccianti e nulla e nessuno potrà evitare il carcere a vita a madre e figlia. 'La perizia sui telefonini, che doveva scagionare Cosima, ha aggravato la sua posizione e le sue lacrime in aula non serviranno ad evitare un'altra condanna', queste sono le parole pronunciate dalla Bruzzone, che pesano come macigni sulle due donne.

Il Procuratore Generale di Taranto, Antonella Montanaro, nella sua requisitoria, ha chiesto la conferma dell'ergastolo. Successivamente ci saranno le arringhe dei difensori e infine i giudici si riuniranno in camera di consiglio per emettere la sentenza. La criminologa parla anche di prove inconfutabili che mettono con le spalle al muro sia Sabrina che Cosima.

La perizia sui telefonini

L'unica variante rispetto al processo di primo grado è stata la perizia sui telefonini, richiesta dalla difesa, la quale voleva dimostrare che la posizione di Cosima era al piano di sopra alle ore 15.25 e non nel garage. Purtroppo per i legali delle donne, il risultato eseguito dai tecnici del dipartimento di elettronica del Politecnico di Torino non conferma né smentisce la teoria difensiva. La mamma della ragazza, Concetta Serrano, è pronta a perdonarle solo nel caso in cui dovessero confessare l'omicidio di sua figlia.

I migliori video del giorno

Michele Misseri invece continua a dichiarare di essere stato lui l'autore del delitto, ma la Procura non gli crede più in quanto il contadino di Avetrana ha rilasciato ben venti dichiarazioni differenti sino ad oggi ed è evidente che ora vuole proteggere la figlia.

Se vuoi rimanere aggiornato sui miei articoli, oppure su questo argomento, clicca sul bottone "Segui" vicino al mio nome ad inizio articolo.