Tragedia la scorsa notte 14 agosto a Noto (SR), dove una donna è stata trovata senza vita nella sua automobile. E’ successo poco prima della mezzanotte nella contrada collinare di San Corrado Fuori le Mura. Una 42enne, L.M. le sue iniziali, ha fermato la sua automobile, una Opel rossa a due posti, nei pressi della strada statale 287. Sul ciglio della strada che conduce al piazzale dell’eremo di San Corrado la donna ha atteso pochi minuti prima di compiere, con ogni probabilità, un gesto estremo. La 42enne, di professione guarda giurata, ha spento l’automobile, chiuso l’abitacolo e impugnato l’arma, una pistola, puntandola verso se stessa.

Il ritrovamento del cadavere

L’auto parcheggiata in un posto insolito è stata notata subito dai passanti.

Ad accorgersi di qualcosa di strano, anche un gruppo di fedeli che aveva appena lasciato la chiesa dell’eremo di San Corrado dove aveva partecipato ad una veglia di preghiera. Notato il corpo riverso sul cruscotto, i passanti hanno subito allertato le forze dell’ordine e i soccorsi. Prontamente sul posto sono arrivate due auto dei Carabinieri del comando di Noto e un’ambulanza del 118. Nonostante la tempestività dei soccorsi non c’era più nulla da fare per la donna.

L'ipotesi principale

Gli inquirenti giunti sul posto hanno raccolto tutti gli elementi utili per avviare le indagini ed hanno ascoltato le persone presenti. Sembrano non esserci dubbi su come siano andate le cose: pare che la donna abbia deciso di togliersi la vita volontariamente. Ogni elemento va verso la pista del suicidio e la ricostruzione dei fatti porta proprio all’estremo gesto compiuto dalla donna.

I migliori video del giorno

All’interno dell'automobile, accanto al corpo della donna, sarebbe stata trovata anche una lettera. Una missiva toccante in cui pare non ci sia un destinatario, ma in cui traspare la disperazione della vittima e la devozione religiosa della stessa. La lettera è adesso in mano alle forze dell’ordine che stanno effettuando ulteriori verifiche sul contenuto. Dalle prime indagini e, forse anche dal contenuto della lettera, pare ci possa essere una delusione sentimentale dietro l’estremo gesto.