Annuncio
Annuncio

Era alla guida di un'auto in evidente stato di alterazione psico-fisica. Un particolare che non è affatto sfuggito ai carabinieri nel corso di un servizio di controllo a San Cataldo, a pochi chilometri da Caltanissetta. Qui i carabinieri della Tenenza, nella notte scorsa, intorno all'una, hanno denunciato un venticinquenne, a piede libero: la sua condizione di scarsa lucidità sarebbe stata causata dall'assunzione di sostanze stupefacenti. Anche dagli esami tossicologici, ai quali il protagonista della vicenda è stato subito sottoposto, all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta, è emersa positività ai 'cannabinoidi'. Oltre alla segnalazione all'Autorità giudiziaria, immediato anche il ritiro della patente di guida.

Annuncio

Controlli costanti sulle strade

I controlli per contrastare la guida sotto l’effetto di alcol o, come in questo caso, di droghe pesanti o leggere, poco importa, sono effettuati costantemente dai carabinieri in tutto il territorio provinciale e dalla polizia di Stato negli ambiti di competenza. Un’attività condotta sempre ad alto profilo anche sul piano della prevenzione d’incidenti stradali, non solo nel fine settimana, anche negli altri giorni, e non necessariamente nelle ore notturne. Centinaia le persone controllate e identificate, e considerevoli i casi di automobilisti sorpresi in condizioni precarie, prevalentemente in stato di ebbrezza alcolica, con tassi abbondantemente oltre la soglia rilevati dall’alcoltest.

Annuncio
I migliori video del giorno

Sanzioni previste dal Codice della strada

Il Codice della strada prevede che 'chiunque guida in stato di alterazione psico-fisica', ovviamente dopo aver usato sostanze stupefacenti, 'è punito con l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro'. C'è anche 'l’arresto da sei mesi a un anno'. Inoltre, una sanzione amministrativa, cosiddetta accessoria: la sospensione della patente da uno a due anni. Se l’auto appartiene a una persona estranea al reato, il periodo di sospensione è raddoppiato. E raddoppiate anche le pene nel caso di un incidente stradale causato da coloro che risultano positivi agli accertamenti tossicologici.