Il settimanale 'Giallo' ha pubblicato nel suo ultimo numero in edicola, un'esclusiva assoluta sull'omicidio del povero Marco Vannini. Si tratta di una perizia tecnica eseguita dai Ris di Roma, sulle persone presenti nella casa al momento del terribile episodio che è costato la vita ad un ragazzo di soli venti anni.

I particolari della perizia

Nello specifico il documento svela particolari che inchiodano la famiglia Ciontoli e smentiscono in maniera quasi certa, la versione dell'indagato resa agli investigatori.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

In particolare i Ris hanno rinvenuto tracce di polvere da sparo sui vestiti di Antonio Ciontoli, su quelli di Federico e di sua sorella Martina. Ma il fatto più importante è il ritrovamento di tracce di polvere da sparo sulle scarpe di Marco.

La domanda è: come mai ci sono tracce di polvere da sparo sulle scarpe del ragazzo? Secondo la versione di Antonio Ciontoli infatti, la 'disgrazia' sarebbe successa in bagno mentre Marco era nella vasca e le sue scarpe invece erano nella stanza della fidanzata. Inoltre altre tracce sono state rinvenute sulle mani di tutti e nelle narici di Antonio e Martina.

Il racconto di Ciontoli è poco credibile

La versione raccontata da Ciontoli sembrerebbe crollare come un castello di sabbia, il risultato di questa perizia tecnica infatti non lascerebbe dubbi sulla presenza di Antonio, Federico e Martina Ciontoli al momento del ferimento di Marco. Questo presume che il fatto non può essere successo in bagno, come ha sempre sostenuto il suo ex suocero, ma in un'altra stanza dove erano presenti anche i suoi figli.

I migliori video del giorno

Allora da un altro dubbio atroce nasce una seconda domanda: la morte di Marco è stata causata da un incidente o da una lite sfociata in tragedia? Il sospetto è che la famiglia Ciontoli non dica la verità e nasconda in maniera plateale la vera dinamica dei fatti accaduti. Ora gli inquirenti lavoreranno sul risultato di questa importantissima perizia, che pesa come un macigno sulla posizione giudiziaria di Antonio Ciontoli e di tutti i presenti quella sera all'interno della casa di Ladispoli.

Se vuoi rimanere aggiornato sui miei articoli, oppure su questo argomento, clicca sul bottone “Segui” vicino al mio nome ad inizio articolo.