Quello di Andrea Loris Stival è uno dei casi di cronaca nera che più ha catalizzato le attenzioni dei media nazionali: dopo quasi nove mesi di indagini, gli inquirenti non sono riusciti a scoprire la verità su quanto accaduto lo scorso 29 novembre, quando il bimbo di soli otto anni fu ucciso in circostanze che restano ancora misteriose. La Procura di Ragusa ritiene che ad uccidere il bimbo sia stata la madre Veronica Panarello: la ventiseienne è stata incastrata dalle immagini delle telecamere di Santa Croce Camerina che la riprendono mentre svolta con la sua automobile verso il luogo del delitto.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Le ultime news su questo complesso caso si concentrano proprio sui filmati che inchioderebbero la madre di Andrea Loris Stival: pare infatti che sia inutilizzabile la prova regina sulla base della quale la Procura di Ragusa sta tenendo Veronica Panarello rinchiusa nel carcere di contrada Petrusa di Agrigento. 

Ultime notizie Andrea Loris Stival, Veronica Panarello è innocente? Tutti i dettagli

Ieri mattina si è tenuta l'udienza per il deposito dei filmati registrati dalle telecamere di Santa Croce Camerina.

L'incidente probatorio è iniziato ad aprile ed è terminato da pochi giorni: ci sarebbero numerosi dubbi sulle immagini trasferite dagli hard disk ai dvd forensi; era stato l'avvocato di Veronica Panarello, Francesco Villardita, ad anticipare le indiscrezioni. Sembra infatti che alcuni dvd siano rotti, proprio quelli che conterrebbero le immagini in cui si vede Veronica Panarello mentre con la sua automobile svolta verso la zona del "Mulino Vecchio"; ovvero verso il luogo nel quale il 29 novembre scorso Orazio Fidone ha ritrovato il cadavere senza vita di Andrea Loris Stival. L'indiscrezione è stata riportata da "Mattino Cinque"; nel corso della trasmissione si è parlato a lungo del caso di Andrea Loris Stival e in studio era presente anche Francesco Villardita, il legale di Veronica Panarello.

I migliori video del giorno

Il legale ha dichiarato che i video con la prova regina non potrebbero essere usati ai fini processuali. Siamo dunque ad una svolta clamorosa nel caso di Santa Croce Camerina?