Ha sconvolto tutta Italia l'omicidio avvenuto pochi giorni fa a Palagonia, in provincia di Catania, nel quale hanno perso la vita Vincenzo Solano, di sessantotto anni, e sua moglie Mercedes Ibanez, di settanta. Il principale sospettato è Mamadou Kamara, un diciottenne della Costa d'Avorio che viveva nel centro di accoglienza di Cara di Mineo (che ospita circa tremila immigrati). L'ivoriano si trova ora in carcere, accusato di furto, duplice omidicio e anche di violenza sessuale. Gli inquirenti, infatti, sono arrivati ad una drammatica svolta nelle indagini sul delitto di Palagonia, dato che dall'autopsia si è accertato che Mamadou Kamara ha abusato sessualmente di Mercedes Ibanez, moglie di Vincenzo Solano.

Dalle indagini sul duplice omicidio sono emersi dei dettagli a dir poco raccapriccianti, come riporta il sito "CataniaToday", che si sta occupando molto a fondo di questa triste vicenda. Ecco tutti i dettagli delle ultime indiscrezioni sull'omicidio di Palagonia. 

Ultime notizie omidicio di Palagonia, emergono dettagli raccapriccianti

Il procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, ha incontrato la stampa per fare il punto delle indagini sul delitto di Palagonia. Mamadou Kamara è stato incastrato anche da immagini video; la scena del crimine è macabra: Vincenzo Solano è stato massacrato di botte e poi sgozzato, mentre sua moglie, Mercedes Ibanez, è stata percossa, violentata e gettata dal terrazzo della sua abitazione. Dopo il duplice omicidio, inoltre, l'ivoriano si è cambiato gli abiti, per poi tornare al centro di accoglienza dove viveva, il Cara di Mineo.

I migliori video del giorno

Mamadou Kamara continua a dichiararsi innocente anche di fronte all'evidenza ed è stato anche assai sprezzante con gli agenti che l'hanno interrogato, dato che si è rivolto loro con un tono di sfida. Molto probabilmente, la sua condanna arriverà tra pochi giorni. Gli inquirenti, inoltre, non escludono che Mamadou Kamara sia stato aiutato da uno o più complici, che gli avrebbero indicato la villa dei Solano come "preda" perfetta per un buon bottino. Intanto, impazzano le polemiche dopo le dichiarazioni della figlia dei Solano, che ha indicato il Governo-Renzi come vero responsabile del delitto.