Il Terremoto ha colpito al largo della costa del Cile nella notte di mercoledì 16 settembre, causando forti ondeggiamenti degli edifici nella capitale Santiago e portando inondazioni dovute a piccole onde tsunami in alcune città costiere. I funzionari hanno riferito di tre morti. Non ci sono state segnalazioni di gravi danni dopo il terremoto, ma non sono ancora terminati i controlli della regione colpita.

Le autorità avevano emesso un allarme tsunami per tutta la costa pacifica del Cile, e le oscillazioni sono state così forti che le persone dall'altra parte del continente, a Buenos Aires in Argentina, hanno riferito di averlo percepito.

Numerose forti scosse di assestamento, tra cui una di magnitudo 7,0 e tre sopra il 6, hanno fatto tremare la regione dopo la prima grande scossa.

'Ancora una volta dobbiamo affrontare un colpo potente dalla natura', ha detto il presidente Michelle Bachelet, rivolgendosi alla nazione nella notte di mercoledì. Bachelet ha riferito che tre persone sono state uccise nel terremoto, ma non ha fornito dettagli. Ha esortato le persone che erano state evacuate dalle zone costiere a restare in luoghi elevati fino a quando le autorità non avranno valutato appieno la situazione.

I funzionari hanno ordinato alle persone di evacuare le zone basse lungo i 3.900 chilometri di costa del Pacifico del Cile, da Puerto Aysen, nel sud fino ad Arica, nel nord. Il principale aeroporto di Santiago è stato evacuato per precauzione.

I migliori video del giorno

La tv di stato cilena ha mostrato l’acqua che scorre nelle strade di Concon, una città costiera nota per le sue belle spiagge vicino a Valparaiso. Acqua è stato vista anche in altre città, ma senza onde alte e distruttive come era stato segnalato.

Le autorità hanno anche raccontato di alcune case in mattoni crollate nella città dell'entroterra di Illapel, a circa 280 chilometri a nord di Santiago. Illapel è a circa 55 chilometri ad est dell'epicentro del sisma. La US Geological Survey aveva riferito inizialmente che il sisma era di magnitudo 7,9 ma ha poi rapidamente rivisitato la lettura verso l'alto fino a 8,3. Le autorità cilene hanno corretto la magnitudo a 8.4.

Funzionari Usa hanno affermato che il terremoto si è formato al largo nel Pacifico alle 11:54 GMT con epicentro a circa 228 chilometri a nord-ovest di Santiago, 12 chilometri sotto la superficie. Nel 2010 un terremoto di magnitudo 8,8 con un conseguente tsunami nel centro-sud del Cile nel 2010 ha ucciso più di 500 persone, distrutto 220.000 case e spazzato via banchine, lungofiumi e località balneari. Questo terremoto rilasciò così tanta energia, fino ad accorciare il giorno terrestre di una frazione di secondo, modificando la rotazione del pianeta.

Il più forte terremoto mai registrato sulla Terra è accaduto sempre in Cile con una magnitudo di 9,5 nel 1960, ed uccise più di 5.000 persone.