L'immigrazione è una realtà che ci riguarda molto da vicino. Ogni giorno sbarcano sulle nostre coste migliaia di migranti che sfuggono da zone di guerra nella speranza di avere un futuro migliore. Tutto questo ha però un effetto molto negativo, non solo sulla popolazione, ma anche sull'immagine della nostra nazione. L'inarrestabile invasione di immigrati, tra i quali anche molti clandestini e criminali, sta creando tensione in tutto lo stivale e molti cittadini, specialmente nel Sud d'Italia, cominciano ad armarsi convinti che sia l'unico modo per proteggersi. Roma trabocca di immigrati, le aree urbane di pregio storico, architettonico o artistico traboccano di venditori abusivi e mendicanti che ne offuscano la bellezza e irritano i turisti (che vorrebbero visitare i siti storici della Capitale senza essere infastiditi dalla presenza e l'insistenza di questi individui) e i residenti.

Fermare abusivi e mendicanti: la soluzione 

Per arginare la situazione il decreto che il ministero dell'Interno ha presentato ai sindacati di polizia 2 giorni ha ampliato i poteri dei sindaci in merito a: decoro, sicurezza e piccoli reati. Nello specifico le nuove leve di manovra su cui potranno contare i primi cittadini sono: la possibilità di intervenire tramite i caschi bianchi per la sicurezza urbana, maggiore potere d'intervento sulle aree urbane di particolare prestigio interessate dal flusso turistico e sorveglianza di stazioni e aeroporti.

Multe anche per chi fa accattonaggio

Chiunque abbia una condotta lesiva per il decoro urbano come: abuso di alcolici, sostanze psicotrope o stupefacenti, accattonaggio e commercio abusivo, sarà soggetto alla sanzione pecuniaria amministrativa che consiste nel pagamento di una multa che va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 900 euro, la confisca degli oggetti venduti illecitamente e l'immediato allontanamento dalla zona. Nel caso in cui un soggetto ripeta due volte la stessa violazione, questi subirà una sanzione raddoppiata, che va dai 600 euro ai 1800 euro, e l'allontanamento dalla zona interessata sarà messo per iscritto ed inviato al Questore.

I migliori video del giorno

Alla terza violazione scatterà la reclusione da 1 a 3 anni. In fine, per tutelare le zone esposte all'inciviltà o con problemi conseguenti ad aggregazione notturna che crea disturbo ai residenti, amplierà i poteri di ordinanza fino alla chiusura degli esercizi commerciali.