Una gita si è trasformata in una tragedia nella provincia di Milano. Un ragazzo, Elia Barbetti, di soli 17 anni infatti si trovava in gita con la scuola dove nella giornata del 15 ottobre avrebbe dovuto visitare l'Expo 2015. Purtroppo non ha mai raggiunto il grande evento poichè il giovane studente intorno alle cinque del mattino sarebbe stato trovato morto dalla guardia giurata i servizio di vigilanza. Si ipotizza una caduta accidentale. Vediamo il tutto nel dettaglio.

Si ipotizza una caduta accidentale

Secondo quanto afferma la procura di Milano, la caduta del ragazzo sarebbe stata accidentale. pare infatti che il giovane studente si sarebbe affacciato troppo dalla finestra e sarebbe così precipitato nel vuoto.

Da quanto emerge dai primi accertamenti, dunque, pare che l'ipotesi suicidio sia da accantonare. La scuola, dopo la visita all'Expo avrebbe dovuto fare ritorno in Toscana. Sono stati interrogati anche i tre compagni di stanza e avrebbero così spiegato che avevano bevuto e fumato qualche spinello con Elia nella notte ma non si sarebbero accorti che il compagno era precipitato nel vuoto. I tre infatti sarebbero andati a letto e non avrebbero avvertito alcun rumore. Secondo quanto affermano inoltre, le tapparelle della finestra erano chiuse. 

Ritrovato la mattina

Il corpo del giovane 17enne sarebbe stato trovato alle prime luci dell'alba ossia verso le 5:40 a circa quattro metri dalla parete dell'hotel. La caduta sarebbe probabilmente avvenuta verso le tre di notte. A rendere plausibile l'ipotesi della caduta accidentale è anche l'altezza dello studente.

I migliori video del giorno

Il ragazzo infatti era circa un metro e 80 e la finestra si trovata a 1 metro e nove centimetri da terra. Secondo gli accertamenti inoltre l'ipotesi di caduta è emersa anche dalla distanza tra la finestra e il punto in cui il corpo è stato ritrovato. Sul corpo, oltre alle ferite, era presente un ematoma perché il ragazzo sarebbe sbattuto contro il muro divisorio che separa l'hotel dalla sede della vigilanza. Per ulteriori dettagli sulla vicenda vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto.