Bilancio drammatico e senza precedenti per la Francia, dove diverse esplosioni e sparatorie hanno colpito Parigi nella tarda serata di ieri in quelli che sembrano essere parti di un unico grande mosaico, un attentato terroristico di matrice islamica, già rivendicato dall'ISIS attraverso Twitter. Si tratta del più grande attacco mai avvenuto in Europa. Circa 158 sono le vittime e quasi un centinaio i feriti, di cui alcune decine versano in condizioni gravi.

Pubblicità
Pubblicità

Il numero delle persone coinvolte è però destinato a salire, perchè la capitale francese è rimasta paralizzata, con la chiusura preventiva di tutte le linee dei trasporti. Molti riferiscono di decine e decine di corpi a terra per le vie della città, e in un comunicato della polizia si legge che sarebbero ben 7 i punti in cui gli attentatori hanno colpito.

Le sparatorie

La sparatoria al ristorante Le Petit Cambodge situato all'interno del X arrondissement, non molto distante dalla sede di Charlie Hebdo, teatro degli attentati dello scorso gennaio.

Il corteo di polizia scorta il presidente Hollande
Il corteo di polizia scorta il presidente Hollande

La strage si consuma dal di fuori del locale, dove alcuni individui sparano con dei Kalašnikov in direzione dei tavoli esterni mietendo le prime vittime. Poi tocca al Bataclan, auditorium con circa 1500 posti a sedere dove in serata si esibisce un gruppo rock californiano. Qui oltre ad una sparatoria vengono trattenuti più di 100 ostaggi, di cui una parte viene uccisa 'uno ad uno' come racconta un sopravvissuto.

Le esplosioni allo Stade de France

Contemporaneamente all'esterno dello Stade de France, in cui è radunata molta gente (alcune decine di migliaia di persone) perchè si sta giocando l'amichevole tra la Germania campione del mondo e la Nazionale francese, una serie di esplosioni provocano decine di morti (40 accertati ma il numero è in aumento).

Pubblicità

Dalle prime indiscrezioni sembra che gli ordigni contenessero esplosivo misto a chiodi. 

La partita viene interrotta, e all'interno dello stadio si crea il panico generale. La televisione trasmette in diretta immagini simbolo che ritraggono migliaia di persone radunate nel campo da calcio. 

Il blitz della polizia al Bataclan

La polizia intanto coordina le operazioni di salvataggio al ristorante Bataclan, dove si trovano più di un centinaio di ostaggi in mano ad una decina di terroristi.

Vengono uccisi tre attentatori, e dai media si apprende che la polizia ha trovato più di 100 cadaveri all'interno del teatro (118 secondo le ultime stime). Un sopravvissuto racconta che gli ostaggi venivano uccisi 'uno ad uno'.

Le reazioni

Il presidente Hollande, che ha assistito agli attentati in quanto presente alla partita da Francia e Germania allo Stade de France, è stato scortato al palazzo presidenziale dove ha tenuto una conferenza stampa annunciando di aver ordinato la chiusura della frontiera.

Pubblicità

Barack Obama è intervenuto anche lui immediatamente, esprimendo cordoglio per le vittime e per la nazione francese, condannando l'attentato come rivolto a tutto l'Occidente.

Mentre gli aeroporti rimarranno aperti, si è deciso per ora di chiudere tutte le linee dei trasporti di Parigi, scuole, musei ed università. 1500 militari sono stati schierati in città in sostegno alla polizia e ai reparti antiterrorismo. Gli abitanti del centro della capitale francese hanno deciso, durante la notte, di aprire le porte delle proprie case per aiutare tutti coloro che, bloccati nel caos della città paralizzata, erano impediti a tornare a casa.

Pubblicità

Clicca per leggere la news e guarda il video