Resta asserragliata la città di Bruxelles dove l'allerta terrorismo resta ancora a livello 4. Nella notte sono stati eseguiti 16 arresti, tutte persone in qualche modo coinvolte nella strage di Parigi e nell'attentato di Saint-Denis. Resta però in fuga il ricercato numero uno, Salah Abdeslam, riuscito anche stavolta a fuggire di seguito al blitz della polizia belga nel quartiere di Molenbeek-Saint-Jean. Almeno altre dieci persone sono in fuga con Salah, il quale nella giornata di ieri si sarebbe messo in contatto con alcuni amici per farsi aiutare, contattandoli anche via Skipe con un cellulare. Intanto anche questa mattina restano chiuse le scuole, i musei, le biblioteche e gli uffici pubblici per meglio coordinare le operazioni di ricerca.

Blocchi anche per le metro e i mezzi pubblici, anche se dal Governo si è assicurato che i trasporti potrebbero funzionare anche durante lo stato di allerta in relazione alla sicurezza che la polizia può garantire alla popolazione. 

Bruxelles, sventata cellula jihadista 

Nella notte di ieri 22 novembre 2015, le forze dell'ordine di Bruxelles, di seguito a un blitz in quartieri della città presso Molenbeek, JetteWoluwe, Anderlecht, Etterbeek e Forest, (bloccando l'area del Gran Place e del Radisson Hotel) arrestano 16 persone, tutte collegate ai fatti di Parigi, fermi che attendono di essere convalidati dal giudice. In base agli aggiornamenti Ansa di oggi 23 novembre 2015, si sarebbe riusciti a sventare una cellula jihadista come riportato nella tarda mezzanotte di ieri dalla radio nazionale belga, la Premiere, ma la preoccupazione per altri possibili attacchi resta alta.

I migliori video del giorno

La città è blindata e tutti gli eventi pubblici con alto concentrato di presenze sono stati annullati. La polizia belga ha effettuato anche una perquisizione a Molenbeek, presso l'abitazione dello zio di Salah, e altre tre operazioni presso Charleroi: nessun ritrovamento di armi o esplosivo, ma come confermato dal premier Charles Michel l'allerta resta ancora a livello 4. Al momento infatti non si conoscono gli spostamenti di Salah Abdeslam e anche gli amici, che hanno confessato di essere stati contattati dall'uomo, non hanno dato informazioni utili per poter individuare precisamente la sua posizione.

Salah in fuga verso la Germania

Salah Abdeslam è infatti riuscito a fuggire. Le forze dell'ordine lo avrebbero avvistato nella città di Liegi, ma poi si sarebbero perse le tracce a seguito della fuga a bordo di una Bmw sulla autostrada E40 in direzione della Germania. L'uomo avrebbe infatti con sé una cintura con una bomba, e potrebbe essere pronto a farsi esplodere. In base a Le Soir, nel quartire di Molenbeek-Saint-Jean la polizia di Bruxelles ricerca due persone che avrebbero con loro una bomba proprio come Salah.

Intanto il fratello, raggiunto da alcune enti televisive, ha lanciato più volte preghiera al fratello di 'arrendersi', considerandolo una persona altamente influenzabile, e non radicalizzato dell'Isis, confermato dal fatto che al momento della strage nella capitale francese c'è stato qualcosa che gli ha fatto cambiare idea ed è fuggito senza farsi esplodere. Questi gli ultimi aggiornamenti per il 23 novembre 2015 delle ore 9:35, se desiderate seguire ancora il caso, cliccate su 'segui' in alto alla vostra sinistra, o votate la news cliccando su una delle 5 stelle a destra.