Altra terribile notizia giunge dalla ragione Calabria, dove nella notte tra il 17 e il 18 novembre è stato registrato un gravissimo e violento incidente. L'impatto è stato frontale e molto forte tanto da causare due feriti abbastanza gravi. Per fortuna, dopo i soccorsi sono stati dichiarati fuori pericolo. Vediamo nel dettaglio la prima ricostruzione da parte delle forze dell'ordine intervenute sul posto.

Lo scontro violento

Il drammatico incidente è avvenuto nella scorsa notte a Botricello, in provincia di Catanzaro sulla strada statale 106, in pieno centro abitato. Il terribile sinistro ha coinvolto due vetture ossia una Scenic e una Renault Clio. Le due auto si sarebbero scontrate in un frontale violentissimo, ma per fortuna nessuno ha perso la vita.

Una delle due vittime è però rimasta intrappolata nelle lamiere contorte della vettura ed è stato necessario l'intervento da parte dei vigili del fuoco per poterlo estrarre vivo. Repentino è stato anche l'intervento dei sanitari del 118 che hanno condotto i due feriti in ospedale. Qui sono state effettuate i dovuti accertamenti e le dovute cure e i medici li hanno dichiarati fuori pericolo. Tanti i disagi alla viabilità che si sono generati e la strada statale 106 è stata chiusa al traffico sia per consentire i soccorsi e sia per eliminare i residui delle vetture ripristinando così la sicurezza sull'asfalto. Tanti erano infatti i detriti causati dal forte impatto. A ricostruire la dinamica dell'incidente sono stati i carabinieri di Sellia Marina, immediatamente allertati.

I numeri della ss 106

La strada dove si è verificato l'incidente porta dei numeri agghiaccianti.

I migliori video del giorno

La strada statale 106 infatti rimane quella che fa registrare il più alto numero di incidenti. Nel 2014 in totale si sono verificati ben 345 sinistri provocando 14 morti e 672 feriti. Inoltre il 44 per cento degli incidenti avviene per scontro frontale come quello precedentemente descritto. Emerge inoltre che il tratto di strada sito nella provincia di Crotone segna il più alto indice di mortalità seguito da Cosenza e Catanzaro.