Proseguono al 12 novembre 2015 le indagini sulla tragica morte di Trifone e Teresa, la coppia di Pordenone caduta in un agguato mortale. Secondo quanto scrive la stampa specializzata ("Giallo") c'è un particolare che potrebbe creare problemi a Giosuè Ruotolo e precisamente un indumento. Secondo gli investigatori l'autore del crimine indossava una felpa. Il 24 settembre 2015, vale a dire il giorno dopo l’iscrizione nel registro degli indagati del militare Ruotolo, l'uomo presentò una denuncia per furto. Fin qui nulla di strano. Ruotolo ha dichiarato che gli avevano rubato uno zainetto sul treno.

La felpa

All'interno dello zaino c'erano poche cose tra cui una felpa.

La cosa appare come una strana coincidenza. Su di essa i Ris potrebbero individuare qualche traccia interessante relativa al delitto di Pordenone, che ha visto morire due trentenni di belle speranze di nome Trifone Ragone e Teresa Costanza. Bisogna riflettere anche sulle parole di due coinquilini di Ruotolo, che avrebbero notato un rapido cambio di abbigliamento il 17 marzo 2015. Quel giorno Giosuè Ruotolo aveva una felpa addosso, ma se l'è tolta prima di andare nel parcheggio della palestra che è stata teatro dell'agguato in compagnia degli amici, che a questo punto potrebbero diventare degli scomodi testimoni. Ruotolo cambiò anche i pantaloni. Perché decidere di cambiare vestiti in un momento così drammatico, dopo essere stato raggiunto dalla notizia della morte di un amico (i due erano stati coinquilini)? Gli investigatori hanno conseguito un punto di svolta nell'inchiesta quando è stata trovata l'arma del delitto nelle acque di un lago vicino alla palestra.

I migliori video del giorno

L'assassino se ne è liberato in fretta e molto probabilmente ha commesso un errore.

Coppia felice

Trifone e Teresa, originari del meridione ma ben inseriti nella vita lavorativa e mondana di Pordenone, molto probabilmente conoscevano il loro assassino. Inizialmente si erano formulate diverse ipotesi legate anche alla nota passione per la vita notturna di Teresa Costanza, che amava ballare come molte giovani della sua età, e di Trifone, prestante soldato con qualche ambizione da modello. I due avevano deciso di andare a convivere a coronamento della loro unione e facevano progetti per il futuro. Per risolvere il caso quello che manca è il movente del delitto: è lì la vera chiave del mistero.