Emergono indiscrezioni molto importanti sul padre di Antonio Tagliata, il diciottenne che con otto colpi di pistola ha ucciso Roberta Pierini e ridotto in fin di vita Roberto Giacconi, i genitori della sua fidanzatina sedicenne. Si tratta di un caso di Cronaca Nera che negli ultimi giorni ha attirato le attenzioni dei media, per la  brutalità con la quale è stato commesso l'omicidio e soprattutto per il fatto che l'assassino è un ragazzo di soli diciotto anni. Ora questo suo gesto rischia di rovinargli per sempre la vita. Le ultime news su questo delicatissimo caso sono state riportate da "TgCom24", che sta seguendo tutti gli sviluppi della vicenda.

Sono spuntate indiscrezioni clamorose sul padre di Antonio Tagliata, Carlo. Gli inquirenti hanno infatti scoperto che anche lui uccise per amore. Ecco tutti i dettagli delle ultime notizie sul caso di Ancona. 

Omicidio di Ancona, anche Carlo Tagliata uccise per amore

Carlo Tagliata, il padre del killer, ha avuto precedenti penali; proprio per questo i genitori della sedicenne si opponevano al suo rapporto amoroso con Antonio Tagliata, che durava da quattro mesi. Quando era ancora minorenne e viveva in Sicilia, Carlo Tagliata fu processato al Tribunale dei Minori per avere ucciso Salvatore Morale, suo rivale in amore. Intanto, Antonio Tagliata è stato incastrato da un biglietto dove aveva scritto "Vado e li uccido". Il killer ha anche confessato di avere comprato la pistola da per quattrocentocinquanta euro: "L'ho acquistata da un albanese in piazza Cavour ad Ancona; l'ho pagata 450 euro", ha detto Antonio Tagliata.

I migliori video del giorno

Insieme all'arma, il ragazzo ha comprato anche tre caricatori con ottantasei proiettili; dopo l'omicidio, il diciottenne ha deciso di gettare nella spazzatura sia la pistola sia i caricatori. Ora Antonio Tagliata si trova rinchiuso nel carcere di Camerino; di lui si è anche appreso che aveva tentato il suicidio più di una volta. Indiscrezioni anche sulla sua fidanzatina: gli inquirenti hanno infatti scoperto che la sedicenne si era recata dai Carabinieri, affermando di volere fuggire casa, per andare a vivere insieme al suo ragazzo