In relazione agli ultimi aggiornamenti delle ore 15:30 sull'attacco terroristico a Parigi, sembra che siano stati identificati i tre uomini che si sono fatti esplodere nei pressi dello Stade de France di Saint-Denis: un siriano, un egiziano e un francese. Il bilancio delle vittime resta per il momento a 127 morti e 192 feriti, una ragazza italiana, dottoranda all'Università di Parigi, Valeria Solesin, è dispersa, si trovava al Bataclan insieme al fidanzato e amici al momento della sparatoria e dell'esplosione dei kamikaze: un'amica ha raccontato di averla vista ferita e di averla poi persa di vista. Intanto sono numerose le notizie che provengono dalla Capitale, che si è fermata per onorare i propri morti tenendo chiuse scuole, musei biblioteche e bloccando i voli.

Anche le operazioni di identificazione dei killer proseguono, con le prime rivelazioni dalla Bfm-Tv e Europe 1. Tra i terroristi kamikaze anche un francese.

Identificata la nazionalità dei 3 kamikaze

Identificata la nazionalità dei tre militanti dell'Isis armati di cintura esplosiva mista a chiodi che si sono lasciati esplodere nelle vicinanze dello Stade de France (2 di questi) e uno all'interno del teatro Bataclan: si tratta di un siriano, un egiziano e di un francese. La notizia è stata diffusa dalla Bfm-Tv, primo canale di informazione e attualità francese, in via non ufficiale, in considerazione che le operazioni di verifica e di controllo sono ancora in corso. L'identificazione è infatti avvenuta grazie al ritrovamento di un passaporto siriano nel corpo dell'uomo kamikaze presso lo Stade de France.

I migliori video del giorno

Il terrorista kamikaze identificato grazie al possesso di un passaporto francese sarebbe invece quello che si è fatto esplodere al teatro Bataclan, luogo in cui si è consumata anche una sparatoria a colpi di kalashnikov e gli spettatori hanno cercato scampo attaccandosi alle finestre. Proprio nel teatro si trovava Valeria Solesin, studentessa dottoranda di 28 anni, la quale risulta ancora 'non rintracciabile'. Si spera che si sia rifugiata da qualche parte o che sia riuscita a rientrare presso la sua abitazione. Il terzo uomo kamikaze è invece un egiziano, identificato sempre mediante il ritrovamento di un passaporto, quest'ultimo fattosi esplodere allo Stade de France (insieme al siriano).

Informazioni fornite da Bfm-Tv e Europe 1

Le operazioni di identificazione tramite il passaporto sono state riferite dall'emittente radiofonica Europe1, che si occupa di cultura, divertimento, sport e notizie da tutto il mondo. In base alle ultime indiscrezioni dell'emittente francese, sui cadaveri dei tre uomini kamikaze erano stati ritrovati dei pezzetti di documenti che avrebbero fatto risalire ad un passaporto siriano.

È di circa un'ora fa anche la notizia di un inseguimento di un'auto citroen berlingo con a bordo 4 persone armate che, dopo aver forzato un casello autostradale nelle Yvelines, si sta dirigendo verso la città di Parigi, ma al momento non si hanno ulteriori informazioni. Annunciati tre giorni di lutto nazionale, e continuano le rivendicazioni da parte dell'Isis con la pubblicazione di un video che fa sapere alla Francia 'che non potranno vivere in pace'. Se desiderate seguirci con gli aggiornamenti del caso e sulla situazione nella città di Parigi, clicca su 'segui' in alto a sinistra e/o vota la news.