La mafia di Corleone aveva progettato l'omicidio del ministro Angelino Alfano, colpevole di aver aggravato il regime di carcere duro al 41 bis. Durante una intercettazione i bosssilamentavano del ministro dell'Interno perché aspiravano a uno stop al 41 bis e non a un inasprimento del regime carcerario duro. Secondo il loro punto di vista Alfano si sarebbe dimenticato di come è riuscito ad arrivare così in alto nella sua carriera Politica, cioè con i voti degli "amici".

I boss, sempre durante l'intercettazione, affermavano che Angelino Alfano doveva fare la fine di Kennedy, il presidente degli Stati Uniti ucciso a Dallas il 22 novembre 1963 da un tiratore solitario. Tutto ciò non ha scoraggiato il ministro Alfano che a Bruxelles ha dichiarato: "la liberazione della mia terra, della terra di Sicilia da questi maledetti vale più della mia vita, vi sono tante donne e tanti uomini servitori dello Stato che rischiano ogni giorno come e più di me e ho deciso io, come tutti loro, di non curarmi di queste minacce e andare avanti".

"So bene che Riina e i suoi seguaci mafiosi corleonesi me l'hanno giurata per due motivi: il carcere duro e le leggi che abbiamo fatto approvare per il sistema normativo che avevo sostenuto nei confronti delle confische e dei sequestri patrimoniali ai loro soldi". Vicinanza e solidarietà al ministro è stata espressa da tutto il mondo politico.

L'operazione antimafia dei Carabinieri di Palermo

Dopo le intercettazioni dei boss di Corleone con le minacce al ministro Angelino Alfano, è partita l'operazione dei Carabinieri di Palermo chiamata "Grande passo3" che ha portato all'arresto di sei persone ritenute i nuovi boss di Corleone. L'inchiesta ha svelato i nuovi assetti della mafia nel mandamento di Corleone, un tempo regno di Provenzano e Riina. In manette anche Rosario Lo Bue ritenuto il capo mandamento.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Lo Bue era già finito in carcere nel 2008, ma poi fu assolto e liberato perché la Cassazione dichiarò nullo il decreto che aveva autorizzato le intercettazioni a suo carico. L'operazione inoltre, spiegano gli investigatori dell'Arma, ha impedito che si realizzasse il progetto di un omicidio di un imprenditore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto