La fortuna economica di Licio Gelli iniziò con l'oro di Dongo che diventerà uno dei suoi segreti. [VIDEO] Non era uno stragista ma venne utilizzato per i vari depistaggi. Ad un certo punto scaricò Berlusconi. Sono alcune delle rivelazioni di Gianfranco Pecoraro, meglio conosciuto come Carpeoro, ex gran maestro della legittima e storica Comunione di Piazza del Gesù, rilasciate nel corso del programma radiofonico Border Nights, in onda ogni martedi alle 22 su Web Radio Network.

«È scomparso un personaggio che trova le sue radici nella gran confusione dell'Italia del dopoguerra. Gelli si è riciclato talmente bene che da fascista è diventato partigiano, partecipando all'operazione della sparizione dell'oro di Dongo.

Quello rimane il segreto principale della sua vita che gli ha permesso di ricattare gli unici che potevano dargli problemi, cioè i comunisti. Con l'oro di Dongo iniziò a costruire le sue fortune imprenditoriali. Per lui era inoltre facile avere indiscrezioni sulle oscillazioni della borsa. Dedicava 24 ore al giorno alla ricerca delle informazioni che poi utilizzava per varie finalità».

Accostato più volte alle stragi secondo Carpeoro il suo ruolo si era però limitato a quello di depistatore: «era un personaggio di riferimento di certi equilibri politici, veniva utilizzato per depistare. Non era l'organizzatore delle stragi. Veniva semmai utilizzato dai servizi segreti, dei quali fu collaboratore stimato e sempre utilizzato: serviva ad evitare che si arrivare ad individuare connivenze un po' particolari.

I migliori video del giorno

Non era uno stragista, non ne sarebbe stato neanche in grado. Si occupava di un altro aspetto: quello che non si arrivasse mai alla verità. Gelli era un massone che aveva tradito la massoneria, i suoi stessi compagni di strada. Si sentirono traditi da lui personaggi come Giulio Caradonna o Alliata di Montereale. Per opportunismo non guardava in faccia a nessuno».

La famigerata P2 era in questa ottica lo strumento di potere di Gelli che però non aveva ramificazioni tali per andare oltre ed intaccare davvero il tessuto istituzionale: «L'operazione P2 era ramificata e potente in termini di seconde linee iper permettere a Gelli di avere potere e fare affari. Ma non per condizionare la politica italiana. Finché era dentro il Goi infatti era soggetta ad altri organismi. Non bisogna mai dimenticare che in un rigurgito di perbenismo, la P2 venne buttata fuori dal Goi. Quando scoppiò lo scandalo erano già passati sei anni da quell'espulsione. C'era una parte della lista P2, che Gelli non ha fatto ritrovare, che era composta da ecclesiastici».

L'ex gran maestro si è sentito anche danneggiato dall'azione di Gelli: «Mi ha fatto la guerra. Non avendo più una organizzazione massonica di riferimento, negli anni '90 voleva appropriarsi della mia, la più storica d'Italia, sufficientemente piccola per i suoi scopi. Fece una serie di manovre in questo senso per impossessarsene provocandomi una serie di danni. Non mi prestati ed anche per questo ho “chiuso” la mia obbedienza. Sapevo che ne avrei pagato le conseguenze, ma non me me sono mai pentito».