Li hanno trovati morti all'interno di un'auto a San Matteo di Viadana (MN) ma vivevano insieme a Guastalla, in provincia di Reggio Emilia. Secondo i carabinieri intervenuti per i sopralluoghi, l'uomo e la donna (entrambi quarantenni) si sono tolti la vita convogliando il gas di scarico all'interno della vettura. La coppia, che avrebbe lasciato alcuni biglietti riferiti al loro tragico gesto, era affetta da uno stato di 'depressione non diagnosticata', probabilmente a causa della perdita del lavoro da parte di entrambi.

Trovata nel cortile di un condominio l'auto con i corpi senza vita

Paolo Galli e la sua compagna, Barbara Morellini, hanno aspettato la morte abbracciati, nell'abitacolo chiuso a chiave dall'interno con il motore acceso.

La notizia a Guastalla ha suscitato molta impressione: 'Erano venuti a chiedere anche da me - dice il sindaco Camilla Verona - circa un anno fa. Si erano lamentati della perdita del lavoro a causa della crisi e io avevo consigliato i servizi sociali, il centro per l’impiego, ma poi non si sono fatti più vedere. Una coppia che appariva affiatata, senza altri particolari problemi se non la mancanza di un impiego che consentisse loro di pagare le bollette, le spese di casa, l'affitto e far crescere dignitosamente la figlia sedicenne di lei. Invece la coppia per tutti questi mesi non ha più chiesto nessun genere di aiuto. Lui aveva delle buone competenze professionali (informatiche) - aggiunge il sindaco - quindi ho ritenuto che si fossero rivolti al centro per l'impiego, che almeno lui avesse trovato un lavoro e risolto almeno una parte dei loro problemi'.

I migliori video del giorno

Erano disoccupati entrambi ma cercavano un lavoro solo per lui

Entrambi cagionevoli di salute, vivevano con la figlia della donna nata da un matrimonio precedente. Lei faceva la casalinga, ma cercava di arrotondare come meglio poteva; lui invece aveva problemi alla schiena. Travolti dalla crisi, che miete sempre più vittime, si sono suicidati nella loro Matiz grigia. All'interno un biglietto:' avvertite i nostri parenti quando ci troverete'.