Forse cavalcando l'onda dell'entusiasmo del ritorno in Tv di una serie cult anni '90, The X-files, la Cia ha deciso di rendere noti alcuni documenti segreti sugli Ufo. E lo ha fatto sul proprio sito ufficiale utilizzando proprio i due personaggi protagonisti della popolarissima serie televisiva: Fox Mulder e Dana Scully. I documenti sono stati così suddivisi in due categorie: quelli presentati  dall'agente Mulder per cercare di convincere gli altri sull'esistenza di attività extraterrestre; e quelli utilizzati dall'agente Scully per dare spiegazioni scientifiche alle stesse. Ecco di seguito cosa ne è venuto fuori.

I files riguardano presunti avvistamenti tra gli anni '40 e gli anni '50

Tra i files presentati virtualmente dall'agente Mulder c'è un caso che risale al 1952 in Germania.

Tra le righe si legge la testimonianza oculare di un uomo che, una volta avvicinatosi al luogo dell'atterraggio di un oggetto simile a ''una grande padella'', asserisce di aver visto due figure vestite con una tuta metallica brillante. Figure che si sarebbero chinate verso di lui, per poi risalire sulla 'grande padella volante' e riprendere il viaggio. L'uomo ritiene che il disco volante si sia sollevato lentamente, per poi cominciare a ruotare. Inizialmente pensava di sognare, poi, una volta che l'oggetto era volato via, ha notato che sul terreno aveva lasciato un'enorme impronta circolare.

Come la commissione ritiene questi avvistamenti

Nei documenti della Cia si nota un continuo braccio di ferro tra gli avvistamenti delle persone e i pareri della commissione scientifica sugli Ufo. La conclusione è che in ogni caso di presunto avvistamento non vi sono mai state prove solide che possano confermarli.

I migliori video del giorno

La commissione ha concluso che in genere gli avvistamenti altro non erano che suggestioni, dovute alla visione di aerei militari, oppure a una luce riflessa da cristalli di ghiaccio, o ancora da chiari raggi di luce non altrimenti spiegati. Insomma, la Cia liquida gli avvistamenti soprattutto come volontà inconscia di elaborare come altra cosa quanto si fosse realmente visto. Chi sperava nel contrario è rimasto profondamente deluso.