A poche ore dal 2 febbraio, data della riunione dello 'Smart group' anti-Isis a Roma , un rinnovato e precisato allarme torna a spaventare l'Italia. L'avviso questa volta è stato lanciato da una fonte più che autorevole, il ministro della Difesa francese Le Drian. Il contenuto dell'allerta riguarda la presenza di infiltrati dell'Isis sui barconi diretti all'Isola di Lampedusa. Durante questi ultimi due anni, sono stati diversi e ripetuti gli allarmi circa la presenza di uomini dello Stato islamico sui barconi: lo stesso consigliere della Libia, Abdul Basit Haroun, aveva rivelato tali presenze tra i profughi. L'anno scorso, anche Paolo Gentiloni in occasione del vertice ristretto con i rappresentanti di 21 Paesi della coalizione ha ammesso il fatto che "ci sono rischi di infiltrazione anche notevoli di terroristi dall'immigrazione".

L'isola di Lampedusa nell'occhio del ciclone

La questione del "terrore che viene dal mare" sembra essere giunta adesso a un momento di svolta. Oltre a sapere che gli uomini dello Stato islamico arrivano via mare, si conosce anche il preciso punto d'approdo. La destinazione dei jihadisti sarebbe l'isola di Lampedusa, che rappresenterebbe uno dei punti di approdo più probabili a causa della sua estrema vicinanza agli attuali territori dov'è presente e operante lo Stato islamico. A causa dell'aumentare del caos e dell'avanzata dell'Isis in Libia, Lampedusa, considerata oramai a 350 chilometri dall'Isis, da oggi rientra a pieno titolo tra le massime preoccupazioni internazionali a proposito di jihad e terrorismo in Europa.

Preoccupazioni e mortificazioni per l'Italia

Considerata anche la recente rilevazione del problema albanese , queste ore rappresentano per l'Italia ore di preoccupazione e, purtroppo, anche di mortificazione a causa dell'ultimo rimprovero rivolto dal Pentagono all'Italia circa l'insufficienza delle attuali azioni portate avanti dal nostro Paese contro l'Isis.

I migliori video del giorno

La stessa spiegazione fornita l'anno scorso dal consigliere del governo libico Haroun circa il perché l'Isis faccia partire i propri uomini sui barconi suona come un rimprovero: "Perchè la polizia europea non è a conoscenza di chi è dell'Isis e chi è un semplice rifugiato".