E' stata una domenica di terrore e sangue, si sono verificati due attentati terroristici, colpite la Turchia e la Costa d'Avorio.

Autobomba ad Ankara 

E' esplosa un'auto vicino alla fermata dell'autobus nella capitale turca Ankara, nel quartiere Kizilay, si contano circa 34 morti e 125 feriti, tra i morti almeno due kamikaze. L'attacco terroristico si è verificato questa sera, attualmente sono in corso le indagini da parte delle autorità competenti: secondo le prime ricostruzioni, l'autobomba è esplosa contro un autobus, la zona attaccata è molto frequentata e affollata, nell'esplosione si sono incendiati altri mezzi e le fiamme si sono propagate.

Pubblicità
Pubblicità

Purtroppo la Turchia è stata protagonista negli ultimi tempi di diversi attentati terroristici e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato, questa sera in un comunicato, che la risposta a simili crimini lo porterà a combattere con più determinazione contro il terrorismo. 

Colpiti tre alberghi in Costa d'Avorio

Gli attacchi terroristici in Costa d'Avorio di oggi si sono verificati in tre alberghi di Grand-Bassam, hanno causato la morte di 16 persone, tra le quali ci sono anche cittadini europei.

I terroristi sono arrivati dal mare, erano in barca, hanno iniziato a sparare con fucili mitragliatori kalashnikov.

Fonti locali riferiscono che gli hotel più colpiti sono stati il Koral Beach e Etoile du sud. Le nazionalità delle persone decedute non sono ancora definitive, ma ci sarebbe almeno un cittadino francese tra le vittime. Il presidente Hollande ha dichiarato che "assicurerà sostegno logistico e informazioni alla Costa d'Avorio al fine di cooperare con i patner contro la lotta al terrorismo". Purtroppo già lo scorso anno, il 26 giugno in Tunisia a Sousse, si verificò un attentato simile che provocò 39 morti, anche in quel caso i terroristi arrivarono dal mare.

Pubblicità

L'Italia non si pronuncia

Linea chiara da parte del nostro governo, l'Italia non si pronuncerà in merito alle azioni da intraprendere senza prima consultarsi con l'ONU e il proprio parlamento. Resta alta l'allerta terrorismo nella nostra penisola, sventato nei giorni scorsi un possibile attentato a Roma, arrestato un ventiduenne di Campobasso.

Leggi tutto