Annuncio
Annuncio

A Caltanissetta, un pensionato settantenne, titolare di una carta di credito, ha denunciato in Questura che nel verificare l’estratto conto ha notato due operazioni per acquisto di servizi in un sito internet per adulti. In particolare, ciascuna da quaranta euro circa, per un valore complessivo di poco inferiore agli ottanta euro. Acquisti che sarebbero stati effettuati a marzo da ignoti. All'anziano, dopo aver scoperto tutto, non è rimasto altro da fare che bloccare la carta e presentare una dettagliata denuncia, sperando di far luce sulla vicenda.

Un'altra denuncia è stata presentata in queste ore da un cinquantenne, intestatario di una carta prepagata, con la quale sarebbero state eseguite quaranta operazioni fraudolente, a sua insaputa, per un importo complessivo di un centinaio di euro, tutti relativi a un solo sito internet.

Advertisement

Da un controllo approfondito sono stati riscontrati circa quaranta movimenti sospetti, tutti di piccolo importo, ovvero di pochi euro.

Infine, un sessantacinquenne ha denunciato di aver ricevuto un sms dal proprio istituto di credito, attraverso il quale è informato che con la sua carta era stato effettuato un bonifico di ottocentocinquanta euro per l’acquisto di servizi, a beneficio di un'azienda di Barcellona, in Spagna. Il pensionato, che ha dichiarato di non aver mai eseguito tale operazione, ha provveduto a bloccare la carta, utilizzando il numero verde per tali eventualità, e a denunciare l’accaduto agli uffici della questura nissena. Avviate indagini per i tre casi, i danni ammontano complessivamente a poco più di mille euro. Non è la prima volta che si registrano episodi del genere.

Advertisement
I migliori video del giorno

Già in passato, sempre presso la Questura di Caltanissetta, sono state presentate altre denunce per frodi informatiche. È sempre consigliabile custodire carte e codici in maniera adeguata. Bisogna prestare attenzione anche alla navigazione in rete, ai siti che si visitano, e ai messaggi di posta elettronica che si ricevono ogni giorno, soprattutto a quelli che chiedono informazioni strettamente personali.