Annuncio
Annuncio

La mongolfiera, mezzo di trasporto affascinante per struttura e design, ha trasformato una semplice giornata di relax in momenti di panico. Questo quanto è accaduto nella capitale tedesca mentre alcuni turisti e studenti norvegesi stavano provando l'emozione di un giro in mongolfiera.

Colpa delle raffiche di vento improvvise, il pallone aerostatico ha iniziato ad oscillare, salendo e scendendo in modo anomalo e facendo urlare i passeggeri, a quanto dicono alcuni testimoni che hanno potuto vedere la scena.

L’aerostato proprio per i suoi principi di funzionamento, in determinate condizioni atmosferiche non può volare, ma i forti venti li ha sorpresi creando un incidente che raramente capita su questi velivoli.

Advertisement

Tutto questo nonostante la mongolfiera fosse ancorata al suolo da robuste e resistenti funi, cosa del tutto normale prima dell'incidente, essendo un'attrazione cittadina da anni. Nonostante l’ancoraggio il pallone può sollevarsi da terra fino a 150 metri d’altezza, altitudine non di poco conto e con una portata a bordo al momento dell’accaduto di 20 passeggeri in cabina. Durante il tempo trascorso ad oscillare la mongolfiera si è ripetutamente avvicinata ad un abitazione. Grazie all’intervento di vigili del fuoco e polizia i malcapitati turisti hanno avuto soccorso. Si è constatato che fortunatamente non ci sono feriti, ma solo tanta paura e terrore.

Luogo della vicenda

Il sito della vicenda sull’ Hi-Flyer Balloon di Berlino è nelle vicinanze di Checkpoint Charlie, luogo a ricordo della guerra fredda e che ispirò Lucio Dalla per la sua canzone “Futura”.

Advertisement
I migliori video del giorno

Dall’aerostato vincolato, per una durata di circa un quarto d’ora, si può osservare dall’alto tutta Berlino e i suoi monumenti.

Incidenti significativi in mongolfiera

Tra i più brutti incidenti accaduti nell’ultimo ventennio ne ricordiamo alcuni: Francia nel 2001, Cina nel 2009, la stessa Germania nel 1999  e prima di questa data anche Austria, Stati Uniti e Svizzera. Ne rammentiamo uno anche in Italia e precisamente a Matera nel 2015.