Per la legge sono unioni civili, ma il grande giorno di Cosimo e Giuseppe sarà un matrimonio a tutti gli effetti, con ricevimento e bomboniere. Le prime nozze gay nel Salento si celebreranno a Lecce, il 9 settembre. Dopo dieci anni di amore, vissuti tra le difficoltà di una terra che non lesina pregiudizi, i protagonisti di questa storia sono pronti a ufficializzare un legame che si è rafforzato con il passare del tempo, nonostante gli sguardi diffidenti, le parole sussurrate alle spalle, nonostante una norma lacunosa, che però ha aperto la strada alla conquista di un importante diritto civile.

Pubblicità

Il 15 settembre le nozze tra due donne

Cosimo e Giuseppe, grazie alla battaglia della senatrice Monica Cirinnà, saranno una coppia riconosciuta giuridicamente. La cerimonia del 9 settembre si terrà a Palazzo Carafa, sede del municipio di Lecce, che pochi giorni dopo (il 15 settembre) ospiterà il primo matrimonio tra due donne. In attesa altre tre coppie, che hanno presentato richiesta al Comune di Lecce e che potranno pronunciare il fatidico sì non appena l'iter burocratico si sarà concluso. E proprio in queste settimane, anche a Nardò, a pochi chilometri da Lecce, il sindaco Pippi Mellone ha dato la disponibilità per le celebrazioni delle unioni civili.

Nel 2012 le prime aperture alle unioni civili

Intanto, Giuseppe e Cosimo, alle prese con i preparativi, definiscono gli ultimi dettagli con la stessa emozione di chi sta per realizzare un sogno. Nel giorno delle nozze avranno al loro fianco gli amici e i parenti, testimoni di un amore sbocciato nel 2006 a Bari grazie a un colpo di fulmine, e proseguito tra i borghi della provincia di Lecce, fino ad arrivare a Parigi, con una romantica richiesta di matrimonio. Nel Salento, il comune di Trepuzzi è stato il primo ad aver istituito nel 2012 l’albo per le coppie di fatto, ben prima del registro voluto a Milano dal sindaco Pisapia.  Allora però non mancarono le polemiche da parte della Chiesa sulle unioni tra persone dello stesso sesso.

Pubblicità

Ecco perché Giuseppe e Cosimo, come tante coppie, pur di sposarsi, avrebbero raggiunto la Spagna o il Portogallo. E invece sarà la terra in cui sono nati e cresciuti a suggellare il loro amore.