Tre maestre di una Scuola elementare di Partinico (Palermo) sono state sottoposte agli arresti domiciliari, dalla Guardia di Finanza di Palermo, per maltrattamenti e violenze nei confronti degli alunni minori, all'interno dell'istituto, riprese ovviamente dalle videocamere della Guardia di Finanza di Palermo.

Schiaffi, ingiurie, pizzicotti e calci ai bambini della scuola elementare Palermitana, da parte di 3 maestre. Tra queste, anche l'insegnate di sostegno era coinvolta ed è stata ritenuta, come le altre, responsabile dei maltrattamenti. Le insegnanti sono state smascherate grazie alle registrazioni video della videocamera della Guardia di Finanza, che aveva sospetti già da tempo, in quanto era stata allarmata dai genitori sospettosi.

Il caso

Sono state poste immediatamente agli arresti domiciliari le 3 maestre che continuamente e senza alcun motivo picchiavano ed offendevano i piccoli alunni della scuola elementare di Partinico. Nei mesi precedenti i genitori avevano già denunciato le maestre, che, secondo i racconti quotidiani dei bambini  e secondo ciò che si vede nel video "li picchiavano ogni giorno e li offendevano senza alcuna ragione". Le intercettazioni ambientali e le videoriprese (che stanno facendo il giro del web da questa mattina), mostrano chiaramente ciò che le tre maestre facevano agli alunni all'interno delle classi: bastava un movimento oppure una parola da parte dei bambini per far scattare automaticamente violenze ed offese, non in rare occasioni ma ripetutamente. Tutto ciò veniva fatto anche ad un bambino disabile, da parte della sua maestra di sostegno, posta anche lei agli arresti domiciliari.

I migliori video del giorno

Il Gip Tribunale di Palermo ha disposto gli arresti domiciliari per le tre insegnanti, considerando il fatto che agli alunni siano state inflitte “sofferenze fisiche e morali intollerabili che sicuramente non dimenticheranno”.Le maestre sono state accusate di maltrattamenti nei confronti di alunni minorenni, abuso di potere e violazione dei doveri inerenti una funziona pubblica.