2

Chi è Sharbat Bibi?

Sharbat Bibi è diventata celebre a soli dodici anni per una foto scattata nel 1984 da steve mycurry. La sua identità è rimasta per quasi diciassette anni nascosta perché la politica afghana manifestava un atteggiamento ostile nei confronti dei media occidentali non permettendo così ricerche. Solo nel 2001 fu possibile per il fotografo e per un team della National Geographic, sulla cui rivista nel frattempo la foto era stata pubblicata, iniziare le ricerche. McCurry rintracciò la ragazza in una regione remota dell'Afghanistan: Sharbat Gula, ormai trentenne, si era sposata e aveva avuto tre figlie. La sua identità venne confermata da un tecnico che usò la tecnica della ricognizione dell'iride.

Sharbat  Bibi, pur non molto cosciente alla fama, fu lieta di sapere che la foto aveva fatto il giro del mondo e che lei era diventata il simbolo della dignità e dell'abnegazione del popolo afghano.

La foto

La foto era stata scattata nel campo profughi di Peshawar, in Pakistan. Il reporter scelse proprio lei perché la ragazzina, orfana all'età di dodici anni, stava studiando in una scuola improvvisata all'interno del campo. I suoi occhi gelidi e il viso parzialmente coperto da un velo rosso, l'espressione di paura e insieme di riscatto sono diventati un simbolo del conflitto afghano e al tempo stesso di tutte le guerre sanguinarie che persistono da anni in Medio Oriente. Nel 2002, al momento della scoperta della sua vera identità, il reporter le scattò una nuova foto.

I migliori video del giorno

«La sua pelle è segnata, ora ci sono le rughe, ma lei è esattamente così straordinaria come lo era tanti anni fa», così dichiarò Steve Mycurry.

Dalla foto all'arresto

Dal 2002 non si erano più avute notizie sul suo conto. Steve Mycurry, si sa, era rimasto in contatto con lei ma forse era totalmente inconsapevole dei suoi traffici. Secondo la Fia, l'agenzia federale di indagini, i documenti di Sharbat Babi sarebbero falsi. Il Cnic, documento nazionale di identità computerizzato, è risultato infatti falso. Già nel 2015 la modella era stata accusata di un reato simile: i documenti di identità suoi e dei due presunti figli erano stati annullati perché considerati falsi. Oggi l'arresto della ragazza afghana, come riporta la tv DawnNews.