Sono stati beccati con le mani nel sacco. Anzi sacchi, 17 e carichi di cozze appena portate via dall’allevamento Cpa di Arborea, di fronte a Torregrande, nelle acque di Oristano. Due sono riusciti a scappare. Un terzo, S.V., pensionato 71 enne di Nurachi, è stato denunciato dalla Polizia con l’accusa di furto aggravato di mitili e porto abusivo di armi. Le cozze sono state sequestrate e sono state restituite ai loro legittimi proprietari. All’interno del mezzo gli agenti della Squadra Volanti di Oristano hanno anche recuperato una muta ancora bagnata con tanto di cappuccio, giubbotto e guanti, una roncola, delle forbici e due grandi tenaglie.

Dei due complici nessuna traccia.

Incursione notturna

Erano da poco passate le 4.40 di domenica quando i vigilantes della Cooperativa pescatori di Arborea hanno notato un’auto sospetta parcheggiata lungo le acque del Tirso, proprio a pochi passi dalla foce. E poco più in là, un’imbarcazione che stava navigando all’interno dell’allevamento. Immediatamente hanno raggiunto il posto e hanno chiamato il centralino della Questura, componendo il 113. Pochi minuti dopo una pattuglia della Squadra Volanti è giunta sul luogo e ha sorpreso S.V. che, alla guida di un furgone, si allontanava furtivamente.

Indagini in corso

Una volta bloccato il furgone, gli agenti si sono avvicinati ma gli altri due complici erano già riusciti a far perdere le loro tracce, mentre l’autista è stato fermato e perquisito.

I migliori video del giorno

All’interno del mezzo, oltre ai 17 sacchi di cozze, sono stati recuperati i mezzi che con tutta probabilità erano stati utilizzati per sganciare e tagliare i mitili dall’allevamento, per poi essere caricati sul furgone ed essere venduti sotto banco. Da qui è scattata la denuncia. Le indagini sono comunque ancora in corso. Da tempo l'azienda Cpa, che poi è anche un cooperativa di pescatori, stava subendo numerosi furti nelle acque degli allevamenti. Per questo motivo già da qualche tempo aveva deciso di affidare tutti i controlli a una ditta specializzata nella sorveglianza, quella che ha appunto beccato i presunti ladri di cozze sul fatto.