Le bambole reborn (ovvero rinate) sono l'ultima novità per chi non ha un figlio vero per scelta o per chi non può averne. Hanno le fattezze perfette di un neonato e sono tanto simili ad un bimbo vero da apparire inquietanti.

Queste bambole sono nate negli anni 90 negli Stati Uniti e sono diffuse in tutto il mondo, ora anche nel nostro paese. Ogni bambola ha il colore della pelle di un bimbo vero con pieghette, venature, unghiette, capelli inseriti uno ad uno in morbido mohair, ciglia, occhi in vetro e in acrilico, corpo in morbida flanella ma appesantito affinchè raggiunga il peso reale di un bimbo neonato. Ad ogni bambola vengono inseriti magneti interni per l'applicazione del ciuccetto e delle mollettine magnetiche per capelli.

Come nasce un reborn

Il processo parte da un kit composto di testa ed arti già predisposto all'applicazione della tecnica. Questi kit sono copie di opere originali di scultori di bambole e sono provvisti di certificato rilasciato dal loro creatore. Alla fine del processo le bambole “rinasceranno” cioè daranno vita ad un "bimbo" o una "bimba" reborn.

Il commercio delle bambole reborn impazza in rete su Ebay e Amazon, ma anche in diversi negozi on line. Su YouTube si trovano filmati di giovani donne che trattano queste bambole come fossero figli veri, le mettono a dormire in camerette complete di culla, le cambiano, le vestono e le portano fuori sul passeggino, proprio come fossero i loro figli.

In una azienda spagnola, per la quale lavorano artisti italiani, si possono trovare anche reborn con le manine che si possono aprire al costo di 1190 Euro o con il segno del cordone ombelicale reciso a 1490 euro, tutte disponibili in diversi colori di pelle e di occhi.

I migliori video del giorno

Il parere dello psicoterapeuta

I video di questi piccoli mostri cominciano a circolare e naturalmente fanno discutere. Flavia Maffezzoni, psicoterapeuta, definisce la scelta di adottare un neonato non vero un surrogato della maternità, che esalta l'egoismo e il timore di prendersi cura di una creatura vera.

Per la Meffezzoni le bambole reborn sono purtroppo un prodotto deteriore dei tempi che viviamo e delle nostre paure, rappresentano in molti casi un allontanamento dalla vita reale con tutto quello che di negativo ne consegue.