L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha annunciato in un comunicato stampa pubblicato ieri che l'Aci dovrà pagare una multa pari a 2.8 milioni di euro per aver applicato una commissione sul pagamento del bollo attraverso carte di credito o bancomat.

Se paghi con la carta di credito paghi di più

L'Aci che tutti conosciamo e di cui ci avvaliamo per pagare il bollo delle nostre auto, ha un giro di affari da 353 milioni di euro e la sua consociata Aci Informatica S.p.a., che si occupa del servizio di riscossione con moneta elettronica, di 65 milioni di euro. L'Agcm ha dichiarato nel testo di provvedimento che queste due società hanno applicato una commissione pari al 1,2% sull'importo da pagare in caso di utilizzo di carta di credito, e di 0.20€ in caso di pagamento con bancomat presso gli sportelli Aci dislocati sul territorio, contravvenendo all'articolo 62 del Codice del Consumo che vieta di 'imporre spese al consumatore per l'utilizzo di determinati strumenti di pagamento'.

La risposta di Aci

Appena entrata nel mirino dell'Antitrust, Aci ha abbassato la commissione sul pagamento con carta di credito a 0.75€ ignorando che il provvedimento è sull'esistenza della tassa in sé e non dell'importo, così Aci ha rilanciato la palla alla sua consociata Aci Informatica S.p.a. responsabile dei pagamenti con i mezzi digitali. AGCM tuttavia non ha escluso Aci dalle sue indagini, ritenendola responsabile in quanto "titolare di fatto" del servizio di riscossione, e per di più ha decretato un'ulteriore multa di 200.000,00 euro per informazioni ingannevoli riportate su Bollonet. Nel provvedimento è descritta nel dettaglio la violazione avvenuta degli articoli 20, comma 2 e 23 del Codice del Consumo: nel sito www.aci.com infatti è espressamente indicato che i soci non pagano le commissioni, offrendo di fatto qualcosa che invece spetta di diritto al consumatore; l'AGCM descrive questo procedimento come una "pratica commerciale scorretta".

I migliori video del giorno

Insomma l'Aci dovrà pagare le sanzioni entro 30 giorni, sospendendo immediatamente le pratiche oggetto di provvedimento. Ovviamente si aspetta nei prossimi giorni la risposta del Club.