Al momento non va in carcere, ma il giudice ha disposto l'obbligo di dimora nella sua città per Antonio Logli, il marito di Roberta Ragusa, condannato a venti anni di reclusione in primo grado per il delitto della moglie Roberta Ragusa. L'uomo inoltre è stato interdetto per sempre dalla patria potestà genitoriale. Il gup Enza Iaderasta non ha accolto la richiesta del pubblico ministero che aveva chiesto la misura cautelare della detenzione carceraria. I reati contestati sono l'omicidio volontario e la distruzione del cadavere.

Scomparsa Roberta Ragusa: il marito condannato a 20 anni di reclusione

"Siamo soddisfatte di questa sentenza", hanno detto oggi le cugine della vittima - Maria Ragusa e Marika Napolitano - dopo la lettura della sentenza di condanna di Antonio Logli a 20 anni di carcere. "Ma non cambia - hanno aggiunto - il dolore per la perdita di Roberta. Non cercavamo vendette - hanno sottolineato le cugine di Roberta Ragusa - ma giustizia per lei".

Il pensiero ai figli di Roberta Ragusa e Antonio Logli. Per loro "una tragedia doppia perché oltre alla madre - ha detto Marika Napolitano - rischiano di perdere anche il padre. Faremo di tutto - ha proseguito - per cercare un rapporto con loro e per stare vicini a questi ragazzi".

L'avvocato Gentile: massimo pena, Roberta non si è mai allontanata

"Prima di tutto diciamo - ha detto Nicodemo Gentile, legale dell'Associazione Penelope attiva nella tutela delle persone scomparse che si è costituita parte civile nel processo - che si parla del massimo della pena.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Poi che abbiamo ottenuto la verità e cioè che Roberta Ragusa - ha sottolineato l'avvocato commentando la sentenza di oggi ai microfoni di Rai News 24 - non si è allontana da sola, senza soldi e in pigiama". Fuori dall'aula del tribunale di Pisa in cui si è svolto il processo con il rito abbreviato a carico di Logli, ad attendere il verdetto c'era pure il super testimone Loris Gozi: "Si è messo in gioco per anni la mia vita, dicendo che ero un bugiardo, ora - ha detto parlando con i cronisti - è stato un giudice a stabilire chi aveva detto le bugie".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto