Che quella a Gerusalemme sia veramente la tomba dove Gesù Cristo è stato deposto per tre giorni dopo la sua crocifissione, è una questione che è stata a lungo al centro di dibattiti e ricerche dei più famosi archeologi nel corso della storia e che forse solo oggi trova una sorprendente conferma.

Il Santo Sepolcro di Gerusalemme, situato all'interno di una Basilica aperta al pellegrinaggio, è stato sigillato almeno 500 anni fa, e mai più riaperto, per consentire la conservazione di uno dei luoghi più misteriosi e sacri mai esistiti per la Chiesa Cattolica; solo recentemente, per la prima volta, è stato ottenuto il permesso di varcare quel sigillo di marmo per entrare e studiare da vicino il piano dove si presume che le spoglie mortali di Cristo siano state deposte.

Una straordinaria scoperta

La chiusura del sepolcro risale almeno al 1555 e i negoziati attivati per la sua riapertura sono iniziati nel 1959, difficoltose trattative che dovevano mettere d’accordo i tre leader religiosi responsabili del sito, ovvero quelli della Chiesa Greca, della Chiesa Armena Ortodossa e quelli dell'ordine dei frati francescani; solo recentemente è stato raggiunto un comune accordo che ha consentito l'ingresso ad alcuni ricercatori, tra i quali l’archeologo Fredrik Hiebert del National Geographic, che per la prima volta dal 1555 hanno rimosso la lastra di marmo a chiusura della tomba, facendo una straordinaria scoperta.

All’interno di uno dei luoghi più misteriosi della storia, è stata ritrovata la piattaforma calcarea dove si suppone sia stato deposto il corpo di Cristo ma soprattutto è stata scoperta una seconda lastra di marmo, della quale non si sapeva l’esistenza, che riporta una croce incisa.

Quest’ultimo reperto si suppone risalga al XII secolo e che la croce sia stata realizzata dai Crociati.

Nel corso dei secoli il sepolcro è stato più volte saccheggiato, incendiato, distrutto e ricostruito e per molto tempo si è dubitato potesse sorgere sul luogo originario di sepoltura del corpo di Gesù Cristo.

La recente scoperta della lastra di marmo incisa in epoca crociata, conferma sorprendentemente che il luogo è lo stesso ritrovato nel IV secolo dall’Imperatore Romano Costantino e lo stesso venerato quindi dai Crociati.

La chiave della Basilica a una famiglia musulmana

La riapertura della tomba è avvenuta in presenza dei capi della Chiesa Greca, di quella Armena ortodossa e di quello dell'ordine dei frati francescani, che hanno accolto con evidente soddisfazione le scoperte fatte; successive indagini potranno portare a nuove rivelazioni circa il piano che in teoria ha accolto le spoglie di Cristo, un responso molto atteso dalla comunità cattolica cristiana.

Curiosamente la chiave della Basilica dove è situato il Santo Sepolcro è conservata da generazioni da una famiglia musulmana, che ha il compito di aprire ogni mattina il luogo religioso per consentire l’ingresso alle migliaia di pellegrini in visita.

Segui la nostra pagina Facebook!