Un nuovo caso di meningite è avvenuto nel nostro Paese, questa volta in Calabria. Un uomo di 50 anni ha perso la vita dopo essersi ammalato di meningite, ed essere stato ricoverato in ospedale per due settimane.

La tragedia

Si chiamava Giuseppe Iannazzo il 50enne che è deceduto dopo essersi ammalato di meningite causato da meningococco. L'uomo è stato ricoverato per circa due settimane all'ospedale di Lamezia nel reparto di rianimazione dopo aver accusato un malore. Successivamente, dopo tutti gli accertamenti svolti, è stato constatato che il 50enne era affetto da meningite meningococcica ed è stato trasferito nel reparto di malattie infettive dell'ospedale di Vibo Valentia che è munito di stanze per l’isolamento.

Purtroppo, nonostante tutte le terapie effettuate dai medici, il 50enne poche ore dopo essere giunto in ospedale è deceduto.

Molto probabilmente se le indagini per diagnosticare la meningite meningococcica sarebbero avvenute prima, l'uomo avrebbe potuto salvarsi. Dobbiamo infatti segnalare che il reparto di Malattie Infettive e quello di Virologia dell'ospedale di Lamezia sono stati chiusi per i continui tagli sulla sanità. Per questo motivo le analisi del sangue sono state effettuate dall'ospedale di Catanzaro e ci sono volute due settimane per riuscire a ricevere gli esiti, visto che purtroppo all'ospedale di Catanzaro mancavano i reagenti per l'esame del liquor.

L'esame è stato quindi svolto tramite un esame colturale e per questo motivo è stato necessario aspettare le due settimane.

Nessun allarme in Calabria

In Calabria non ci sarebbe comunque nessun allarme per un possibile contagio di altre persone, a dirlo il il direttore generale dell'ospedale di Catanzaro, Giuseppe Perri. Il direttore ha inoltre comunicato che tutte le persone che sono state in contatto con il 50enne sono state trattate con una profilassi antibiotica.

Aggiunge inoltre, che nell'ospedale di Catanzaro, ormai da diversi giorni, nel centro vaccini è possibile vaccinarsi contro la meningite sia di martedi che di giovedi pomeriggio.

Segui la nostra pagina Facebook!