Ancora una storia di orrenda crudeltà nei confronti di una creatura indifesa: un cane è stato barbaramente ucciso a Bruzzano Zeffirio, comune di 1.200 abitanti in provincia di Reggio Calabria.

Episodio simile a quanto successo ad Angelo

Sembra passato solo qualche giorno dalla notizia del tragico destino riservato al randagio bianco di Sangineto, battezzato con il nome di Angelo, e di cui si è parlato per mesi, per la crudeltà inspiegabile con la quale era stato torturato ed impiccato ad un albero.

Pubblicità
Pubblicità

I suoi aguzzini, quattro balordi del posto, hanno continuato a colpirlo fino a che il cane non ha smesso di respirare. Eppure, fino alla fine Angelo ha continuato a scodinzolare, pensando, forse ad un gioco, un gioco perverso e atroce.

In seguito a quell'avvenimento, molte furono le iniziative volte a smuovere la coscienza pubblica.

Quell'atto infame, non doveva restare impunito. E così è nata la pagina Facebook dedicata ad Angelo, in cui i pensieri di migliaia di persone si sono incontrati.

Pubblicità

Sono stati organizzati cortei di protesta e manifestazioni in tutta Italia. E qualcosa è successo: la giustizia ha iniziato a fare il suo corso. A Roma, nell'area cani del parco Ravizza, a Monteverde, è stata inaugurata una statua dedicata al povero cagnolone bianco di Sangineto, per non dimenticare, per far capire che quel vile atto non è passato inosservato. Tutto ciò che è stato fatto, però, non è bastato.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Calabria

La storia si ripete

Come un anno fa, la storia si ripete e un' altra anima innocente viene uccisa dalla mano dell'uomo. La mano che dovrebbe accarezzare, porgere cibo, rassicurare, salvare, si muove, invece, per tradire, mentire e uccidere.

A Bruzzano Zeffirio, piccolo comune in provincia di Reggio Calabria, nei pressi di un fiume, poche ore fa è stato ritrovato un altro cane impiccato ad un albero.

La scena ricorda quella del randagio di Sangineto, ma, in questo caso, non si conoscono ancora le dinamiche dell'accaduto.

Il cane è stato ritrovato, così, appeso ad un albero, magro e senza collare. La persona che lo ha trovato ha avvertito subito i carabinieri che si sono recati sul posto ed hanno iniziato a raccogliere gli indizi necessari per ricostruire la vicenda e risalire al colpevole del gesto orribile.

Pubblicità

La malvagità contro gli animali è un crimine

Il presidente della Lega Italiana in difesa degli animali, Daniela Lazzaroni, ha tenuto ha precisare che bisogna agire per non far passare un messaggio sbagliato: commettere atti di malvagità nei confronti di un essere indifeso è un crimine e chi commette questi crimini contro gli animali, potrebbe, in futuro, commetterne anche nei confronti degli uomini.

Pubblicità

Nel frattempo le indagini continuano e speriamo di avere, al più presto, dei riscontri positivi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto