A gelare le speranze per una svolta nel caso del piccolo Charlie Gard, la telefonata di ieri, 5 luglio, tra il ministro britannico Boris Johnson e il ministro degli Esteri italiano, Angelino Alfano.

Il trasferimento del piccolo è impossibile

"Grazie per l'offerta" ha detto Johnson, "ma il bimbo non potrà lasciare l'ospedale di Londra", dove è ricoverato per motivi legali. "Il Papa e Trump ci sono di conforto", avevano detto i genitori inglesi del piccolo accogliendo le offerte di aiuto arrivate dall'ospedale del Vaticano "Bambino Gesù" e dal Presidente americano.

Pubblicità
Pubblicità

La madre del bambino aveva telefonato direttamente alla struttura pediatrica della Santa Sede, per chiedere che fosse curato li il suo bambino, ma l'ospedale londinese dove è ricoverato Charlie aveva fatto subito sapere che il trasferimento del piccolo paziente era impossibile.

Una malattia rarissima

A contrastare la volontà dei genitori, anche le sentenze del tribunale ordinario inglese e della Corte europea dei diritti umani che autorizzano i medici a staccare la spina e lasciare che Charlie voli via.

Pubblicità

Il piccolissimo bambino è affetto da una rarissima sindrome di riduzione del contenuto di DNA mitocondriale nelle cellule. Malattia che porta una debolezza estrema in tutti i muscoli che, piano piano, smettono di funzionare. Charlie non può respirare, deglutire e tantomeno muoversi. La malattia danneggia il cervello, il cuore e gli organi interni in modo irreversibile. Il piccolo vive legato ad una macchina che pompa ossigeno nei suoi polmoni e lo nutre artificialmente.

Raccolti 1 mln e 300 mila sterline

Prima della sentenza i genitori avevano raccolto 1 milione e 300 mila sterline per portare il figlio in un ospedale statunitense dove si effettua una terapia sperimentale. I giudici però li hanno fermati. In questo disperato countdown che due tribunali hanno fatto già partire, si sono inseriti il Bambino Gesù di Roma e un ospedale americano che si sono offerti di curare il neonato gratuitamente.

Ma il rischio da scongiurare ora è l'accanimento terapeutico.

Mariella Enoc, Presidente dell'ospedale Bambino Gesù, è stata molto chiara, "parliamo nel caso di una cura compassionevole", ha precisato, "tutto porta ad escludere una guarigione o miglioramenti della malattia che, a quanto dicono i sanitari, è irreversibile". Si parla quindi di una terapia che possa mantenere il bambino in vita senza dolore.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto