Stop alle adozioni di gatti, in particolare se neri, nel periodo che precede Halloween. La decisione è stata presa da “Il Parco dei Gatti” dopo aver verificato che sussiste un rischio elevato che avvengano sacrifici ed episodi di crudeltà verso gli animali.

L’allarme sul web

La struttura che accoglie e cura i gatti, a Perugia, ha pensato di prevenire qualsiasi rischio e, nonostante ci sia chi ritiene che si tratti di bufale o notizie allarmistiche, ha deciso di sospendere il servizio di adozione dei gatti.

Appelli a tenere d’occhio i gatti di casa, in particolare se neri, risuonano sempre in prossimità di Halloween: qualche pazzo che inscena sacrifici di animali ci può sempre essere. E poter disporre di gatti molto facilmente attraverso lo strumento dell’adozione è un’esca troppo prelibata per eventuali pazzi. Da qui il richiamo attraverso i social network fatto da “Il Parco dei Gatti” di Ponte San Giovanni.

Il post

Il post datato 13 ottobre avverte che non verranno dati in adozione gatti bianchi o neri fino a che non sia passato Halloween. La struttura richiama la possibilità che persone cerchino i mici per compiere sacrifici. È accaduto che siano stati rinvenuti animali uccisi in modo barbaro. Per questo si è deciso di tutelare i gatti presenti nella struttura e tenerli lì fino ai primi di novembre. A meno che non si presentino persone rispettabili, già conosciute o con referenze inappuntabili.

I suggerimenti

Una decisione che trova conferma anche nella pagine di siti e blog. Come per il blog robinsonpetshop.it che presenta un articolo in cui si ricorda come i gatti in generale e quelli neri in particolare siano collegati alla scaramanzia, al portare sfortuna o rappresentare il maligno (il gato era ritenuto l’animale di compagnia delle streghe). Una credenza, una superstizione, che trova ancora terreno fertile e che significa la morte o la sofferenza di tanti animali.

Che faccia, una volta, imbizzarrire i cavalli e disarcionare i cavallerizzi o che finisca sotto un’auto, adesso, il gatto nero è sempre stato visto (scioccamente) come un pericolo, un animale malvagio. Anche il blog, quindi, avverte dei rischi nel periodo precedente ad Halloween, la festa delle streghe, e consiglia di tenere in casa, al sicuro, i propri mici.

L’Aidaa

Anche l’associazione animalista Aidaa ricorda che, pur di fronte ad una quasi scomparsa di sacrifici di animali nella notte di Halloween o in prossimità dei quadrivi, è bene non abbassare la guardia e controllare sempre.

Tanto da indicare anche i luoghi preferiti da alcuni gruppi esoterici che potrebbero dedicarsi a sacrifici di animali. Si va dalla zona di Pescara al Friuli Venezia Giulia, passando per il Veneto e il lago di Garda. Altri gruppi sono segnalati in prossimità del lago di Bolsena e del Trasimeno, come nella Val Pellice e nella zona di Arezzo, fino al Piemonte, a Genova e nel Varesotto. Questi gruppi sarebbero dediti all’uccisione di animali, anche polli e galli, per compiere dei riti di sangue e di sesso

Da qui l’invito a fare attenzione se dovessero verificarsi sparizioni di gatti e polli sul finire di ottobre e di avvertire le autorità competenti o le associazioni animaliste.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto