ERCOLANO - I Carabinieri della locale tenenza, in collaborazione con i colleghi della stazione di Torre del Greco (Napoli) hanno tratto in arresto quattro persone con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti [VIDEO] finalizzata al traffico e allo spaccio. Gli arrestati devono rispondere anche dei reati di detenzione illegale di armi da fuoco e munizioni e ingiustificato possesso di ingenti somme di denaro contante, per un ammontare complessivo di circa 101.000 euro. La cifra, in banconote di grosso taglio, è stata posta sotto sequestro dalle forze dell'ordine. A finire in manette sono stati 3 fratelli, due maschi e una femmina: Tommaso, Biagio e Maria Nocerino, tutti e tre residenti a via Cupa Viola, rispettivamente di 33, 43 e 41 anni d'età e di Gianpio Vitiello, 19-enne residente a via Cegnacolo.

La perquisizione

In seguito ad una perquisizione domiciliare, i militari dell’arma hanno trovato e posto sotto sequestro un'arma da fuoco a salve, trasformata con modifiche per sparare proiettili veri di calibro 7,65. In casa sono stati rinvenuti anche cinque cartucce, un caricatore, 50 grammi di hashish e 30 grammi di cocaina, 31 grammi di marijuana e altro materiale utile al confezionamento delle dosi di stupefacenti. Ad una perlustrazione più dettagliata degli ambienti e locali dell'edificio, i carabinieri hanno scoperto anche nella cantinola di Tommaso Nocerino una grossa somma di denaro in contanti, precisamente 101.035 euro. Sulla provenienza di questi soldi nessuno dei tre ha saputo fornire una valida giustificazione alle forze dell'ordine.Gli arrestati sono stati tradotti nelle case circondariali di Poggioreale (Napoli) e Pozzuoli (carcere femminile).

Ora devono attendere il processo che avverrà con rito per direttissima.

Il traffico di droga

Nella zona dell'hinterland vesuviano-nolano negli ultimi mesi si sono moltiplicati gli arresti di spacciatori di sostanze stupefacenti [VIDEO]. Questo, senza dubbio, grazie anche alla preziosa azione investigativa delle forze dell'ordine: carabinieri e polizia recentemente hanno eseguito diverse operazioni volte al contrasto delle attività illecite collegate alla detenzione, al traffico e allo spaccio di droga. Il più noto di questi blitz contro il narcotraffico è conosciuto con il nome di 'Operazione Primavera Nolana' e ha portato all'arresto di numerosi uomini ritenuti essere responsabili di associazione a delinquere aggravata.