Una bimba di soli 15 mesi, Amelia Cooper, è morta vicino alla mamma, sul letto di casa, a St Austelle (Inghilterra). A stroncare la piccola, nel 2016, era stata una potente dose di Fentanyl, noto analgesico oppioide sintetico. Lo ha riferito nelle ultime ore il coroner. Amelia dormiva abbracciata alla madre ma il cerotto di Fentanyl della donna, Sara Talbot, si era accidentalmente attaccato sul suo corpo. La piccola era stata immediatamente trasportata in ospedale ma i medici non avevano potuto fare altro che constatarne il decesso [VIDEO]. Dall'esame post mortem era emerso un livello elevato di Fentanyl nel corpicino di Amelia. La piccola non poteva essere salvata.

Emma Carlyon, medico legale, ha dichiarato che a causare il decesso della bimba è stato il potente analgesico. Nessuno sa, al momento, come abbia fatto quel cerotto a finire sul corpo di Amalia; tra l'altro, nonostante le indagini della Polizia, non è stato ritrovato.

Inghilterra, Amelia Cooper indossava il pigiama

Il medico legale inglese non riesce a capire come quel cerotto abbia fatto ad attaccarsi al corpo della Cooper, poiché la piccola indossava il pigiama, quindi il corpo era coperto. Il coroner lancerà un avvertimento a livello nazionale per evitare il verificarsi di episodi simili. Avvisati, di recente, anche farmacisti e medici generici della Cornovaglia. Amelia era un bimba energica e in buona Salute prima della morte. Il padre, Ben Cooper (27 anni), ha riferito che non dimenticherà mai il suo sorriso.

Dal 2016 ad oggi, Ben ha sentito molti medici, paramedici e patologi. Alla fine è stato scoperto il motivo della tragica fine della bimba. La patologa Debby Cook ha affermato nel corso di un'udienza che Amelia Cooper non era malata e sul suo corpo non c'erano lesioni [VIDEO]. L'esperta ha confermato che il decesso della minorenne è stato dovuto a una grande dose di Fentanyl, tale da uccidere anche un adulto.

Cerotti di Fentanyl prescritti a chi non può assumere morfina per via orale

Debby Cook, in aula, ha spiegato gli effetti sul corpo umano di una dose massiccia di Fentanyl, come convulsioni, riduzione della pressione sanguigna e, nei casi estremi, la morte. Gli investigatori hanno svolto molti accertamenti sulla vicenda, in questi anni, ma non hanno trovato nessun responsabile della morte della bambina. Sara Talbot, tempo fa, aveva scritto su Facebook che la figlia era bella, intelligente e fantastica. La 49enne Manisa Cooper, nonna di Amelia, ha confessato di recente: "La adoravamo, ha lasciato un buco davvero grande nelle nostre vite". I cerotti di Fentanyl vengono solitamente prescritti a chi non riesce ad assumere la morfina per via orale oppure ha effetti collaterali.