Una dichiarazione rilasciata dalla leghista Lucia Borgonzoni, all'interno della trasmissione di Radio 1 Un giorno da pecora, sta facendo molto discutere in queste ultime ore, in virtù del suo ruolo nel nuovo Governo guidato dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle. Lucia Borgonzoni, quando i presentatori le hanno chiesto quale fosse l'ultimo libro ad aver letto, ha risposto così: "Leggo poco, passo il tempo a studiare sempre cose per lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Non leggo un libro per piacere da tre anni, l'ultima cosa che ho letto è stato Il castello di Kafka.

Tale dichiarazione non è passata inosservata, non tanto perché è stata rilasciata da una degli esponenti di spicco della Lega, quanto perché appartiene al neo sottosegretario ai Beni culturali e al turismo del nuovo governo guidato da Giuseppe Conte. Infatti, Lucia Borgonzoni, che afferma di essere leghista dall'età di 12 anni, è stata nominata di recente dal governo insediatosi poco più di un mese fa.

Pubblicità

Essa ha poi corretto leggermente il tiro dichiarando: "Ora che mi trovo a ricoprire questo ruolo mi dedicherò alla cultura e magari andrò più di frequente al cinema o al teatro".

La reazione dei social a queste dichiarazioni non si fa attendere

Come accennato in precedenza queste affermazioni non sono passate sotto silenzio, provocando reazioni piuttosto polemiche soprattutto sui social network, sempre attenti e pronti ad alimentare i dibattiti sulle questioni più spinose.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini Lega Nord

In particolare il capo ufficio di Sinistra Italiana Paolo Fedeli, riportando la notizia in un post su Twitter, scrive: "Questa è la sottosegretaria ai Beni culturali, povera Italia, in che mani è stata consegnata".

Dunque si tratta di una sorta di gaffe da parte della leghista o comunque viene da pensare che ci sia lo zampino dell'ironia della sorte ad aver creato una situazione del genere, infatti è curioso che un sottosegretario alla cultura non legga un libro per un periodo così lungo di tempo.

A tal proposito è intervenuto anche il presidente della Fondazione Einaudi con le seguenti dichiarazioni: "Signora sottosegretario probabilmente non ha idea di quanto le sue parole possano essere devastanti".

Insomma, attorno alle parole della fedelissima di Salvini si è alzata una polemica significativa, che non sembra essere destinata a spegnersi tanto velocemente, anche perché il numero di coloro che stanno mostrando sdegno per questo fatto è in rapida crescita.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto