L'ennesima vicenda di violenza si è consumata nel cuore della notte di lunedì 27 agosto, intorno alle 02:00, a Ponticelli, piccolo quartiere di Napoli, nella zona limitrofe a Viale dei Mosaici, addirittura contro una pattuglia di agenti di polizia che erano intenti ad effettuare le indagini in merito al furto di uno scooter. Una volta individuati i rapinatori, infatti, questi ultimi si sono visti esplodere diversi colpi di pistola, dando vita ad un vero e proprio conflitto a fuoco con tanto di inseguimento, come in un film d'azione.

Stando a quanto riportato dal quotidiano Il Mattino, infatti, gli agenti delle volanti del commissariato San Giovanni Barra erano intenti a compiere il proprio lavoro, quando sono stati raggiunti da due criminali in sella ad uno scooter, vestiti di nero e con il viso coperto, che hanno aperto il fuoco sparando vari colpi in aria prima di darsi alla fuga velocemente.

Napoli: colpi di pistola contro la polizia, è caccia ai banditi

A quel punto gli agenti di polizia non hanno potuto fare altro che mettersi nella volante e inseguire i due colpevoli tra le strade dei quartieri di Napoli. Proprio in quel momento i due malintenzionati hanno aperto il fuoco contro la pattuglia per poi lasciare il proprio scooter e fuggire a piedi, dirigendosi verso via Bartolo Longo.

Grazie a questa manovra sono riusciti a far perdere le loro tracce e uno dei poliziotti presenti, nel tentativo di raggiungere i due uomini, è caduto a terra riportando varie escoriazioni. Immediatamente dopo sono intervenute anche altre volanti di polizia nel tentativo di rinforzare la ricerca e di setacciare il luogo alla ricerca dei due criminali. Sul posto anche la scientifica che ha subito effettuato diversi rilievi e ha prelevato i bossoli della pistola rintracciati tra viale delle Metamorfosi e via Bronzi di Riace.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Attualmente si stanno verificando le immagini registrate dagli strumenti di videosorveglianza presenti nella zona nel tentativo di riuscire a risalire ai due malviventi. Per quanto riguarda lo scooter sul quale i due malviventi viaggiavano è stato subito sequestrato e risulta essere intestato ad un uomo incensurato. Non è da escludere che la moto fosse stata rubata per mettere a segno una stesa nella zona, che è da diverso tempo contesa dai clan Rinaldi e Mazzarella, e che quanto accaduto sia riconducibile alle stesse messe a segno nel mese di agosto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto