La polizia postale ha comunicato questa mattina che da alcune settimane in Italia è in corso una massiccia operazione di spamming a scopo estorsivo. Sono sempre più numerose infatti le persone che stanno ricevendo una email al proprio indirizzo di posta elettronica personale, in cui vengono informati dell'avvenuto hackeraggio dell'account a opera di un organizzazione internazionale di criminali, che chiedono a scopo estorsivo il pagamento di una somma in bitcoin per non diffondere il materiale personale compromettente. In realtà, come spiegato dalla polizia, non c'è nulla di vero in tutto questo e invita gli utenti a non pagare.

Il contenuto della mail

Gli utenti ricevono comunicazione che l'indirizzo di posta elettronica è stato infettato da un virus mentre si stava visitando siti a luci rosse e minacciano di diffondere la notizia a tutti gli amici in rubrica, a meno che non si paghi una cifra in bitcoin. Sono arrivate in queste ore centinaia di segnalazioni e telefonate alla polizia postale di persone impaurite che temono di essere incastrate da questi delinquenti.

In realtà, non c'è nulla di vero. Le probabilità che dall'esterno qualcuno riesca a installare un virus nella mail soltanto visitando siti web sono pari a zero.

Si tratta, come spiegato dagli agenti, di un'operazione tecnicamente impossibile. Lo scopo della mail è quella di condurre in uno stato di paura tale da indurre l'utente a pagare.

Il consiglio della polizia postale

La polizia consiglia di mantenere la calma qualora arrivasse tale email e assolutamente di non pagare alcuna somma di denaro, perché molto spesso basta un pagamento per avviare un effetto domino dove il delinquente inizia a richiedere ulteriori somme di denaro.

L'invito quindi è quello di denunciare immediatamente l'accaduto e di proteggere la posta cambiando la password in via del tutto precauzionale.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

È buona norma infatti quella di cambiare le password dei nostri profili o indirizzi di posta elettronica almeno ogni 6 mesi, ed evitare di utilizzare la stessa per siti diversi.

Inoltre, ove possibile, è consigliabile abilitare l'autenticazione a due fattori, che consiste nel ricevere un ulteriore codice pin sul cellulare per effettuare l'accesso da un indirizzo IP sconosciuto. È buona norma poi non lasciare mai i nostri dispositivi incustoditi e non cliccare nei link presenti in email e siti di dubbia provenienza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto