Un uomo di Pisa scomparso e ritrovato qualche giorno dopo in un angolo di una chiesa a Edimburgo: una storia particolare e sicuramente curiosa se si aggiunge il fatto che Salvatore Mannino (questo il nome dell'uomo) aveva dichiarato di non ricordare nulla e di non parlare italiano. In ospedale però gli accertamenti sulla sua salute fisica e psichica avevano dato esito assolutamente regolare. Per questo, dopo una breve messa in scena in cui aveva smesso di parlare Italiano per improvvisare un Inglese basilare (fatto di "yes", "no", "I don't know") il signore di Pisa ha deciso di svelare la verità: "Mi sentivo oppresso da mia suocera e poco importante per mia moglie e i miei quattro figli".

La fuga in Scozia

Salvatore Mannino, imprenditore 52enne di Lajatico (in Provincia di Pisa), il 19 settembre aveva salutato la moglie e portato i quattro figli a scuola, come faceva tutte le mattine. Poi, invece di andare al lavoro, ha, inspiegabilmente raggiunto Edimburgo dove è stato trovato il giorno successivo disteso sul pavimento di una chiesa, privo di sensi. Da quel momento, l'uomo ha improvvisato un Inglese maccheronico, dichiarando di non ricordare nulla e di non riconoscere neanche moglie e figli che hanno raggiunto la Scozia dopo la notizia del suo ritrovamento.

Dopo alcuni esami, i medici hanno potuto constatare che Mannino non aveva nessun problema di tipo fisico o psicologico. I medici hanno da subito effettuato esami per valutare la situazione perché la condizione in cui si trovava l'uomo e la sua apparente perdita di memoria erano immediatamente risultati sospetti. Mannino infatti si è tradito anche quando i Carabinieri, andati a prenderlo in aeroporto, gli avevano chiesto in Italiano di spostarsi sul sedile accanto: lui l'aveva fatto senza problemi rivelando quindi di ricordare bene la sua lingua madre.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità

L'epilogo e i dubbi sul denaro

Lo scetticismo dei medici ha avuto conferma quando l'imprenditore non ha più avuto la forza di mantenere la messinscena e ha confessato tutto. L'uomo avrebbe infatti detto ai medici dell'ospedale di Pisa (dove si trova dal 23 ottobre dopo quasi un mese passato in ospedale in Scozia) di aver inventato tutto perché oppresso dalla suocera e perché la sua scomparsa avrebbe fatto preoccupare moglie e figli, costringendoli a rivalutare la sua importanza nella famiglia.

Ai Carabinieri, che hanno denunciato l'uomo per abbandono di minori e per simulazione di reato, resta solo da capire la provenienza di quei 10.000 euro in contanti lasciati sul tavolo di casa insieme a un biglietto in codice (poi decifrato dal figlio) che recitava: "Perdonami, scusami". Al momento la famiglia non ha voluto commentare le ultime novità sulla vicenda.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto