In California, un uomo di soli 36 anni è deceduto a causa di un colpo di tosse. Il signore aveva deciso di recarsi al pronto soccorso perchè accusava problemi cardiaci. Dopo circa una settimana dall'arrivo all'ospedale San Francisco Medical Center qualcosa è andato storto: un colpo di tosse così forte da far uscire letteralmente fuori un pezzo di polmone ha causato la morte del 36enne. Nonostante i medici abbiano cercato in tutti i modi di salvare la vita del paziente, non c'è stato nulla da fare.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Paziente sottoposto a trattamento farmacologico

Come riportato dal New England Journal of Medicine, il paziente di soli 36 anni si è presentato presso l'ospedale San Francisco Medical Center dichiarando di avere disturbi [VIDEO] di tipo cardiaco.

I medici, dopo i primi controlli di prassi, hanno deciso di sottoporre l'uomo a dei trattamenti farmacologici. Passata una settimana dal ricovero, dove tutto sembrava essere sotto controllo, il paziente ha iniziato ad avere una forte tosse, così potente da portare l'uomo ad espellere fuori un pezzo di polmone.

Nel corso di questa crisi l'uomo ha espulso l'albero bronchiale, cioè una serie di tubi che distribuiscono l'aria ai polmoni. I medici sul posto hanno tentato in tutti i modi di salvargli la vita, ma la sua situazione era veramente molto grave: dopo solo una settimana l'uomo è infatti deceduto. L'episodio ha destato molto stupore per la sua particolarità.

Il responso dei medici

In base a quanto riferito da alcuni medici dell'ospedale [VIDEO] sopra citato, il paziente sarebbe stato affetto da una rara carenza di frazione di eiezione, cioè il modo in cui il sangue viene pompato ad ogni contrazione.

La sua eiezione era del 50% inferiore a quella standard che ogni persona ha. Durante lo scorrere della settimana che ha preceduto il tragico evento, il signore aveva avuto perdite di sangue e di muco, ma i medici erano comunque convinti di avere la situazione in pugno.

Ovviamente, espellere un intero polmone non è possibile a causa delle sue dimensioni. Possono però verificarsi eventi come una violenta tosse, che arrecano delle spaccature e di conseguenza parte dell'organo può essere espulso come accaduto all'uomo in questione. Subito dopo l'avvenimento, i dottori hanno proceduto con l'intubazione dell'uomo, che però non è riuscito a salvarsi a causa della situazione diventata ormai molto grave. Si attendono ulteriori aggiornamenti.