Stavolta il tiro incrociato sui social network ha come bersaglio Beppe Grillo. Il leader ed ideologo del Movimento 5 Stelle ha firmato il 'patto trasversale sulla scienza' promosso dagli immunologi Roberto Burioni e Guido Silvestri. Insieme alla sua, anche tante altre firme tra cui quella dell'ex premier Matteo Renzi, del giornalista Enrico Mentana e di Mina Welby. Ovvio che a destare rumore tra i no-vax è la firma di Grillo che, in passato, era stato visto come una sorta di punto di riferimento, alla luce di alcune sue posizioni critiche contro i vaccini.

Pubblicità

Gli insulti su Facebook

A meno di un'ora di distanza dalla notizia, diffusa su Twitter da Roberto Burioni, sono piovuti moltissimi insulti su Facebook all'indirizzo di Beppe Grillo. "Sei un traditore", "voltagabbana" oppure "non avrai più il mio voto dopo questo voltafaccia" sono solo alcuni tra i più 'teneri'. Qualcuno posta anche un video del 1998 che vede protagonista il cabarettista genovese in cui lo stesso è piuttosto critico contro i vaccini. "Siamo sicuri che sia la stessa persona?". Tra i tanti post, qualcuno però difende Beppe Grillo e lo definisce "un raggio di luce in un Paese oscurato dall'ignoranza".

Beppe Grillo si difende su Twitter

Beppe Grillo ha preso la parola, direttamente dal suo account Twitter dove difende e giustifica la sua scelta.

"Questo appello l'ho ricevuto dal professor Silvestri per sostenere la scienza che deve essere riconosciuta come un valore universale dell'umanità". Il leader del M5S è piuttosto schietto ed il ragionamento non fa davvero una grinza.

Pubblicità

L'esultanza di Burioni

Per l'immunologo Roberto Burioni, quanto accaduto è motivo di enorme soddisfazione, soprattutto perché avere insieme il sostegno di due nemici politici giurati come Beppe Grillo e Matteo Renzi non è certamente una cosa da tutti i giorni. Ed è proprio la firma di entrambi che viene letteralmente esaltata su Twitter. L'appello è stato riportato direttamente sul sito Burioni Medical Facts. "Ci si può dividere su tutto, ma penso che una base comune debba esserci e la scienza deve far parte di questa base.

Non ascoltare la scienza equivale a superstizione ed oscurantismo e può causare dolore, sofferenza e perdita di vitme umane". Dunque per Burioni è assolutamente di rilievo che Grillo e Renzi si siano trovati d'accordo su qualcosa ed abbiamo sottoscritto (insieme a tanti altri, è bene specificarlo e Burioni non manca di farlo, ndr) un patto a difesa della scienza".