È scattato sabato mattina un massiccio blitz della Polizia di Stato di Pescara al quartiere Rancitelli, precisamente nella zona dei palazzi Ater denominati "Ferro di Cavallo" e "Il Treno". Proprio una settimana fa, in questa zona, come si ricorderà, venne aggredito il giornalista della Rai, Daniele Piervincenzi. Il collega si trovava insieme alla troupe del programma "Popolo Sovrano", quando è stato picchiato violentemente da alcuni soggetti che, a quanto sembra, non gradivano la presenza dei cronisti nella zona.

Il quartiere è considerato il centro principale dello spaccio, non solo nel capoluogo abruzzese, ma di tutta la Regione. Dal giorno dell'aggressione, è cominciata una vera e propria stretta degli inquirenti intorno alla zona, che ora comincia a dare i suoi frutti.

Convalidati arresti per due rom

Sabato mattina, due rom, Domenico Ciarelli e Carmine Bevilacqua, rispettivamente un 36enne e un 26enne, erano stati sorpresi dagli agenti a gettare qualcosa dalle loro abitazioni.

Sorpresi dalla presenza degli agenti, i due hanno tentato invano di disfarsi dello stupefacente, nascondendolo in un pannolino per bambini e nei calzini. Si trattava, in particolare, di cocaina ed eroina. I due, fino a ieri, hanno goduto del regime degli arresti domiciliari, ma ieri mattina si è tenuta l'udienza per direttissima in tribunale e i giudici hanno disposto la carcerazione immediata dei due uomini. Il blitz della Polizia ha portato al sequestro di circa 700 grammi di droga.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Riunito il tavolo per l'ordine e la sicurezza pubblica

Nelle scorse ore, sempre nel capoluogo abruzzese, si è riunito il tavolo per l'ordine e la sicurezza pubblica. Nell'incontro si è quindi stabilito che nelle zone periferiche della città, e soprattutto alla zona del "Ferro di Cavallo", il controllo sarà ordinario. C'è la necessità infatti di risolvere altri problemi, oltre a quelli della droga.

Pare, da quanto riporta la stampa locale e nazionale, che molti alloggi non siano occupati da gente avente diritto, ma da abusivi. Anche su questo versante si interverrà presto. Alcuni appartamenti, come riporta la testata giornalistica locale on-line, Leggo, verrebbero addirittura affittati a terze persone dagli stessi abusivi. Una situazione quindi, a cui gli inquirenti sperano presto di mettere la parola fine.

Intanto, il giornalista e la troupe aggredita stanno meglio. Tanto sostegno nei loro confronti è arrivato dai colleghi e anche dal mondo della politica.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto