"Napoli non è un palcoscenico oleografico" ha tuonato l'assessore alla Polizia Locale Alessandra Clemente a poche ore dal discusso matrimonio trash celebrato oggi tra Tony Colombo, noto cantante neomelodico e Tina Rispoli, vedova di Gaetano Marino, boss freddato a Terracina nell'agosto 2012. Le nozze civili sono state precedute lunedì sera da una grande festa non autorizzata in Piazza del Plebiscito.

Pubblicità
Pubblicità

Le nozze

Stamattina Tina Rispoli ha detto sì al suo Tony Colombo. Il matrimonio, celebrato con rito civile, non è passato inosservato perché prima della cerimonia si è svolto un fin troppo animato corteo con tanto di carrozza, cavalli, giocolieri e trombe, seguito dai numerosi fan del cantante palermitano che, per l'occasione, hanno lanciato in stile Ferragnez un hashtag dedicato (#TonyeTinaSposi).

Pubblicità

Le nozze si sono celebrate al Maschio Angioino e l'evento ha comportato il trasferimento al Comune di Napoli dell'iniziativa "100 Passi per il 21 marzo", in onore delle vittime innocenti di camorra.

Come spiegato dalla Polizia Locale, la carrozza degli sposi ha attraversato Corso Secondigliano ed è stata fermata da alcuni agenti che, dopo aver riscontrato alcune irregolarità ed inflazioni, ha provveduto a sanzionare il conduttore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Gossip Curiosità

E' risultato, infatti, che il veicolo a trazione animale, che ha rallentato la pubblica circolazione, circolava senza segnale mobile di pericolo, privo di targhetta identificativa e non aveva dato "comunicazione alle autorità preposte".

In considerazione della grande affluenza di invitati, fan e curiosi, gli agenti di polizia hanno provveduto "a tenere sgombera la rampa di accesso al celebre monumento".

Napoli non è un palcoscenico olegrafico

Alessandra Clemente, assessore alla Polizia Locale, ha spiegato che la città non verrà trasformata in un palcoscenico oleografico dove celebrare matrimoni sfarzosi e di dubbio gusto, in barba alle regole minime. Clemente ha poi spiegato che la Polizia Locale era a conoscenza solo di un flash mob in piazza del Plebiscito. Gli organizzatori, infatti, in merito avevano inviato apposita comunicazione agli uffici preposti, ma in realtà, come testimoniato dai vari filmati caricati sui social, il matrimonio tra Tony Colombo e Tina Rispoli è stato preceduto da una grande festa non autorizzata.

Pubblicità

La piazza ha fatto da teatro ad un vero e proprio concerto con palco, box, luci ed ovviamente musica.

"Si tratta di un fatto grave e non autorizzato" ha dichiarato Alessandra Clemente "Le immagini eloquenti mostrano affluire nei pressi di piazza del Plebiscito non solo auto e furgoni, ma anche una limousine". Poi ha concluso che non deve passare il messaggio che a Napoli, ognuno possa fare il proprio comodo, fregandosene delle regole: "Nei prossimi giorni - ha aggiunto - individueremo i responsabili e contesteremo tutte le violazioni di legge ed applicheremo le diverse sanzioni relative".

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto