Avevano bevuto troppo i due macchinisti del treno Frecciarossa 9604 per Napoli che era in partenza dalla stazione di Brescia domenica mattina alle 5:17. L’increscioso episodio, reso noto da un comunicato di Trenitalia, ha lasciato a piedi 67 passeggeri che sono stati dirottati alla stazione di Milano Centrale affinché potessero raggiungere le loro destinazioni con altri convogli. Il viaggio del Frecciarossa in questione, infatti, una volta accertato dalla Polfer lo stato di alterazione alcolica dei macchinisti, è stato soppresso.

Pubblicità
Pubblicità

Frecciarossa soppresso perché i macchinisti erano ubriachi

I due macchinisti del treno Frecciarossa 9604 Brescia-Napoli avevano bevuto talmente tanto che uno dei due, di 20 anni, non è stato neanche in grado di lasciare l’albergo per raggiungere la stazione lombarda all’alba di domenica, mentre l’altro, il collega più ‘anziano’ di 35 anni, si è visto scoperto nel suo stato di alterazione dal capotreno non appena salito a bordo del convoglio. E’ stata così avvisata la sala operativa della stazione di Brescia che ha richiesto l‘intervento della Polfer e della Polstrada che hanno sottoposto il macchinista al test dell’etilometro, riscontrando un tasso alcolemico pari a 1,95, quasi quattro volte più alto dello 0,5 consentito per mettersi alla guida.

Secondo il racconto dello stesso macchinista, i due ferrovieri avevano trascorso la serata a Brescia in attesa di ripartire la mattina successiva ed erano andati a cena insieme alzando un po’ il gomito. La mattina successiva il più giovane non si è presentato all’appuntamento, fissato in albergo, per raggiungere insieme la stazione, chiamando invece un’ambulanza che lo ha portato all’ospedale dove gli è stato riscontrato uno stato di malessere dovuto all’assunzione eccessiva di alcool.

Pubblicità

Il macchinista ‘superstite’ si è recato comunque in stazione ed è salito sul treno in partenza ma senza aprire le porte per far salire i 67 passeggeri in attesa sulla banchina, fino a quando il capotreno si è reso conto della situazione riconoscendo l’impossibilità di far partire il Frecciarossa.

Il comunicato di Trenitalia: 'Mai registrato in precedenza'

Sulla vicenda Trenitalia ha successivamente diffuso una nota nella quale ha comunicato di aver disposto la cancellazione del Frecciarossa “dopo aver accertato la non idoneità dell'equipaggio alla conduzione del treno”.

I 67 passeggeri che avevano il biglietto per il treno 9604 sono stati trasferiti con convogli regionali alla stazione Milano Centrale per poi proseguire su un altro Frecciarossa per Napoli.

La nota dell’azienda mette inoltre in evidenza l’efficacia del sistema di sicurezza predisposto “che prevede anche controlli preventivi e a sorpresa per i propri equipaggi”. Trenitalia, prosegue la nota “verificherà eventuali violazioni degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale e si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso” che potrebbero essere anche di tipo penale.

Pubblicità

Gli atti sono stati infatti inviati alle autorità giudiziarie competenti che dovranno decidere in merito.

Leggi tutto