I carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di Trento hanno arrestato ieri sera un tunisino di 46 anni, per resistenza, oltraggio, violenza, minacce a P.U, lesioni aggravate e rifiuto di indicazione sulla propria identità personale. L'uomo è stato accusato di avere commesso diversi reati a vario titolo nel corso di una rissa degenerata forse per futili motivi, dove il sospettato di reato ha anche tentato di ferire i militari dell'arma intervenuti a calmare gli animi durante una colluttazione. L'aggressore è stato fermato e portato all'interno della caserma più vicina.

La rissa in pieno centro

I reati contestati ad un immigrato tunisino, residente regolarmente all'interno della nazione è avvenuto ieri sera, presso Piazza Dante, in una delle zone centrali della cittadina di Trento, capoluogo della provincia autonoma. Nella tarda serata di ieri sera, in pieno centro è scoppiata la solita rissa tra cittadini stranieri. Questa volta a scontrarsi due connazionali di origine tunisina, che si sono da prima insultati a vicenda e poi sono passati alle vie di fatto.

I due uomini hanno iniziato a colpirsi reciprocamente, non risparmiando le forze. Poi, l'indagato ha preso da terra un coccio di vetro probabilmente di una bottiglia abbandonata da qualche passante e a cominciato a scagliare un fendente al suo contendente. L'aggressore è riuscito a ferire il suo rivale ad un occhio. La violenza generata dalla brutalità degli uomini coinvolti nella colluttazione ha allarmato i residenti della zona, che hanno a loro volta effettuato una chiamata al numero nazionale 112 in dotazione all'arma dei carabinieri.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

L'intervento dei carabinieri

I carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Trento sono immediatamente intervenuti sul luogo della rissa grazie ad una segnalazione. Gli uomini della benemerita hanno subito tentato di calmare gli animi e ristabilire l'ordine. Vani tutti i tentativi degli inquirenti di far ragionare il presunto colpevole. Anzi, l'uomo in preda ad un raptus di follia ha impugnato il vetro come un’arma e ha tentato di assalire le forze dell'ordine.

Dopo una breve resistenza da parte del sospettato di reato, gli investigatori sono riusciti ad immobilizzarlo. Colto in flagranza di reato l'extracomunitario è stato tradotto presso il comando dei carabinieri di via Barbacovi e lì dichiarato in stato di arresto per resistenza, oltraggio, violenza e minaccia, nonché di lesioni personali aggravate. Nei suoi confronti anche un'altra incriminazione per mancate indicazioni sulla propria identità personale, poiché al suo arrivo si è ulteriormente rifiutato di farsi identificare.

Espletate le formalità di rito è stato messo a disposizione dell'autorità giudiziaria per essere immediatamente giudicato per direttissima.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto